Lo stadio di San Siro (Newpress)
Lo stadio di San Siro (Newpress)

Milano, 13 luglio 2016 - Niente biglietti gratis per il concerto di Rihanna di stasera, idem come sopra anche per lo show di Beyoncé in programma lunedì sera. Ed è solo l’inizio. Il sindaco Giuseppe Sala, d’accordo con l’assessore allo Sport Roberta Guaineri, ha sospeso l’assegnazione automatica ai consiglieri comunali dei biglietti omaggio per i concerti e le partite allo stadio di San Siro per i consiglieri. Ma niente ticket gratis, seppure su richiesta, neanche agli assessori. La "poltronissima" per i politici di Palazzo Marino potrebbe diventare solo un bel ricordo. I consiglieri se ne sono resi conto ieri. Sì, perché ognuno dei 48 eletti avrebbero dovuto ricevere due biglietti gratis a testa per lo show di Rihanna di stasera al Meazza. Ma quei ticket non sono mai arrivati. Il motivo? Il tam tam tra i consiglieri è prontamente scattato: "Sala ha bloccato i biglietti gratis per San Siro". Il capo di gabinetto del primo cittadino, Mario Vanni, fa sapere che l’assegnazione automatica dei biglietti ai consiglieri comunali e quella su richiesta agli assessori sono state sospese, i criteri per l’assegnazione dei ticket per concerti e partite al Meazza sarà ridiscusso. Il risultato: privilegio tagliato.

Difficile che Sala decida di tornare indietro. I nuovi criteri di distribuzione dei ticket, in ogni caso, saranno decisi entro l’inizio del campionato di calcio, quindi entro fine agosto. Il confronto tra la Giunta e i consiglieri "defraudati" dell’amatissimo privilegio inizierà nei prossimi giorni. Un confronto che si annuncia vivace. Sì, perché quando Giuliano Pisapia, da sindaco, fece sapere che la sua intenzione era quella di eliminare l’automatismo "un consigliere, due biglietti gratis per lo stadio" la rivolta degli eletti a Palazzo Marino fu immediata e il taglio del privilegio venne accantonato. Sala, invece, sembra deciso ad andare avanti con la scure. La richiesta di cancellare i ticket gratis ai politici comunali è arrivata dieci giorni fa dall’assessore alla Trasparenza Lorenzo Lipparini. I Radicali di Marco Cappato e Lipparini, infatti, negli ultimi cinque anni hanno condotto una dura battaglia, con tanto di accesso agli atti e polemiche giornalistiche, contro il privilegio dei biglietti gratis per San Siro, ma anche per i ticket omaggio per il Teatro degli Arcimboldi e per il Piccolo Teatro.

Cinque anni dopo, Lipparini è "soddisfatto per la prima decisione di Sala". Il consigliere di Forza Italia Pietro Tatarella, intanto, non fa polemica con il sindaco, ma contesta che "i biglietti omaggio vengano dati ad associazioni scelte arbitrariamente dalla Giunta. Meglio darli agli studenti che hanno appena preso la maturità a pieni voti, con 100. Puntiamo sulla meritocrazia".