Ruby e Berlusconi
Ruby e Berlusconi

Milano, 20 gennaio 2020 - Nuova udienza del processo milanese "Ruby ter": in aula sfilano altri testimoni, tra questi la giornalista inglese Hannah Roberts ed il custode peruviano dello stabile di via Santa Sofia, a Milano, dove aveva lo studio l'avvocato Luca Giuliante, anche lui imputato ed ex legale della ragazza dalle cui dichiarazioni è partita la vicenda giudiziaria

"Soldi a Ruby e Nicole Minetti"

La giornalista inglese Hannah Roberts, rispondendo alle domande dell'aggiunto Tiziana Siciliano e del pm Luca Gaglio, ha riferito in aula ciò che le avrebbe detto Marysthelle Polanco, una delle ospiti ad Arcore imputate, in quei due colloqui nel gennaio del 2013, uno dei quali è stato anche registrato dalla cronista (l'audio è depositato agli atti del processo a Berlusconi e altri 28 imputati).  La cronista ha spiegato davanti ai giudici che Polanco per un'intervista video aveva chiesto 2 milioni di euro, ma il 'MailOnline' le avrebbe dato al massimo 30mila euro e, dunque, l'ex showgirl aveva rifiutato. La giornalista registrò comunque i colloqui, all'insaputa di Polanco, e pubblicò l'articolo, non nel 2013, ma nel 2015, due anni dopo, quando l'ex soubrette iniziò a dichiarare pubblicamente che avrebbe detto la "verità" sul "bunga-bunga". La showgirl dominicana avrebbe riferito che l'ex premier "diede a Nicole Minetti un milione di dollari, in particolare il padre di Minetti era andato a casa di Berlusconi e aveva chiesto quei soldi e li aveva ricevuti". Minetti, stando alla versione di Polanco, "voleva continuare a fare politica, ma Berlusconi non voleva e dunque aveva chiesto quei soldi, anche perché lei sapeva la verità" sulle cene di Arcore. Sempre Polanco, poi, le ha parlato dei "6 milioni e di una casa in Messico" a Ruby, "Ruby stessa credo che lo disse a Polanco, credo, non ricordo bene".

"Ghedini 'coach' delle Olgettine per non raccontare la verità"

La testimone non ha solo parlato dei soldi che avrebbero ricevuto Ruby e altre ragazze, ma anche della "formazione", ossia del "coaching", delle "istruzioni" che le 'Olgettine' avrebbero ricevuto dagli "avvocati" del leader di FI per "non dire la verità nei processi" sulle serate a villa San Martino. "Polanco disse che Ghedini era il 'coach'", ha aggiunto la cronista, facendo riferimento allo storico legale dell'ex Cavaliere (la sua posizione è stata archiviata in fase di indagine). "Mi raccontò - ha proseguito Hannah Roberts - che era a conoscenza del fatto che Berlusconi avesse avuto rapporti sessuali con Ruby e anche con un'altra minorenne del gruppo, Iris Berardi". Polanco avrebbe anche raccontato dei presunti incontri tra le ragazze e gli avvocati dell'ex premier per 'ammansire' le loro deposizioni in vista del processo che vede l'ex premier imputato, poi assolto, per le accuse di concussione e prostituzione minorile. "Mi spiegò che, in particolare, le istruzioni da dare a lei e a Berardi dovevano essere di più, perché lei sapeva molto cose, in quanto spesso viaggiava con Berlusconi, e l'altra ragazza era minorenne". Per tre volte, "la prima a Milano", stando al racconto di Polanco fatto alla giornalista, le ragazze ospiti ad Arcore incontrarono gli avvocati e, in quelle occasioni, gli venivano spiegate le risposte da dare al processo. "Dovevano dire il falso, cioe' che alle feste non succedeva nulla, invece Polanco diceva che Berlusconi aveva rapporti sessuali con le minorenni, che c'era una cena e poi dopo un momento tipo discoteca, dove le ragazze si spogliavano". Tra le altre cose, la testimone ha affermato, davanti ai giudici della settima sezione penale del Tribunale di Milano, che Polanco le riferì di avere un contratto con Mediaset "ma il figlio di Berlusconi, quello che gestiva Mediaset (Pier Silvio, ndr), non voleva che le ragazze coinvolte nel caso apparissero in tv e, per questo, lei non lavorava, pur avendo il contratto". 

"Una busta piena di soldi per Karima"

Oggi, al centro dell'attenzione, anche una busta con soldi per Karima El Marough. A portargliela nel 2014, stando a quanto ha riferito in aula, è stato il custode di origine peruviana dello stabile di via Santa Sofia, a Milano, dove aveva lo studio l'avvocato Luca Giuliante, anche lui imputato ed ex legale della ragazza dalle cui dichiarazioni è partita la vicenda giudiziaria. Gli episodi sulle buste, però, sarebbero due. In un'occasione, l'uomo, che ha precisato di non avere "mai visto fisicamente i soldi", ha affermato che Ruby gli avrebbe detto "di portargli il denaro a Genova e di andarlo a prendere prima dall'avvocato Giuliante". Su questa 'consegna', il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, che rappresenta l'accusa assieme al collega Luca Gaglio, ha letto alcuni messaggi whatsapp agli atti dell'indagine che risalgono all'ottobre del 2014. Da essi si evince che Ruby raccomanda al custode di farsi dare dei soldi da Giuliante e di portarli a Genova, dove risiedeva la ragazza. Della seconda 'consegna', il teste dice di sapere che gli era stato riferito che si trattava di "documenti". "Ho la coscienza pulita - ha detto il teste - parlavo con Ruby perché dovevo organizzarmi col mio lavoro, lei a volte diventava un po' pesante, io le davo confidenza e pensava che stessi lavorando per lei". Secondo l'accusa, i soldi nelle buste costituirebbe parte del 'tesoro' assicurato da Berlusconi a Ruby per comprarne il silenzio o la reticenza nel processo in cui l'ex premier e' stato assolto dalle accuse di concussione e prostituzione minorile.