L'assessore Rozza vernicia l'auto in sosta vietata
L'assessore Rozza vernicia l'auto in sosta vietata

Milano, 2 aprile 2016 - Nel giorno del Cleaning day in 60 scuole a Milano, "fuoriprogramma" dell'assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza. Davanti la scuola di via Monviso i volontari hanno avuto qualche difficoltà a completare il loro lavoro per la vettura parcheggiata in divieto di sosta. L'assessore di Palazzo Marino ha impugnato un pennello intriso di vernice bianca e l'ha passato sulla portiera dell'auto che intralciava il lavoro dei volontari. "Per sistemarsi sul marciapiede l'automobilista ha adoperato impropriamente lo scivolo per disabili ignorando i divieti - ha spiegato- . Non è vernice indelebile e infatti poco dopo gli stessi volontari hanno ripulito la portiera e l'auto non ha subito alcun danno. I vigili hanno anche fatto la multa ma io ho pensato che il gesto di quel maleducato che aveva parcheggiato in una strada che è anche chiusa al traffico, quasi a ridosso dell'uscita da scuola dei bambini doveva in qualche modo essere disapprovato". "Non è stato un atto vandalico, ma un segno da lasciare verso una grave maleducazione e sarei pronta a rifarlo - ha aggiunto -. Non capisco come si possano prendere le difese di quell'automobilista: la pennellata che ho dato sullo sportello dell'auto è stato un atto di ribellione ad un gesto di arroganza cui purtroppo continuiamo ad assistere ogni giorno". 

SCOPPIA LA POLEMICA - L'episodio ha suscitato una levata di scudi da parte di molti esponenti del centrodestra. Il candidato sindaco Stefano Parisi si è detto "Senza parole". "Una cosa è ovviamente cercare di lavorare per eliminare tutti i comportamenti irregolari degli automobilisti, un'altra è rovinare l'automobile di un privato - ha commentato -. Questo è il senso che la sinistra ha della proprietà privata". Paolo Grimoldi, segretario della Lega Lombarda e deputato della Lega Nord invoca invece le dimissioni: "Dopo il suo gesto da 'bulla da strada', da teppista di quartiere, l'assessore comunale Carmela Rozza si dimetta subito e lasci l'incarico per questi ultimi mesi che mancano alla fine del suo mandato. Anzi dovrebbe essere il sindaco di Milano, Pisapia, a toglierle subito le deleghe. Un assessore comunale che, davanti ad una scuola, insieme ai genitori, imbratta con la vernice un'auto privata per 'punirla' per un banale divieto di sosta è il peggior esempio possibile per ogni cittadino, tanto più per degli scolari". 

"Il comportamento dell'assessore Rozza è inqualificabile - ha commentato Corrado Passera, candidato sindaco per Milano di Italia Unica. Un pubblico ufficiale quale lei è, chiama la polizia locale e fa rimuovere l'auto così incivilmente parcheggiata. In quel momento lei rappresentava il Comune di Milano e una persona con un minimo senso delle istituzioni avrebbe capito l'inopportunità del gesto. Da questo punto di vista, è ancora più grave che continui a difenderlo e non ne capisca la gravità". Critico sul comportamento dell'assessore Rozza anche il candidato sindaco di centrosinistra Giuseppe Sala: "Un gesto inappropriato resta tale anche se è la reazione a un comportamento incivile. Noi dobbiamo dare esempi positivi, sempre e comunque".