Quotidiano Nazionale logo
27 mar 2022

Rissa a sediate per futili motivi tra un gruppo di giovani, gravi danni al locale

Identificati e denunciati anche padre e figli dopo un furto in discarica

stefano dati
Cronaca

di Stefano Dati

Scene da far west in centro città nel tardo pomeriggio di venerdì, a farne le spese gli incolpevoli esercenti pubblici che hanno dovuto sistemare, a spese proprie, quanto devastato dai protagonisti di una rissa per futili motivi. Tutto é nato da sterili discussioni di alcuni giovani, dalle parole ai fatti il passo è stato breve e fra di loro ha preso il via la rissa in cui non è stato risparmiato neppure l’uso delle sedie del locale dove sostavano i ragazzi protagonisti della colluttazione. L’arrivo dei carabinieri ha placato gli animi, ma sono restati poi i danni causati, tutti a carico dell’incolpevole gestore dell’esercizio pubblico.

Da registrare poi, sempre in settimana, un altro episodio di cronaca con intervento degli agenti di polizia locale che hanno bloccato gli autori di un furto nella piattaforma ecologica la sera di giovedì mentre si davano alla fuga. Due i protagonisti del raid, padre e figlio residenti a Boltiere (Bergamo): 51 anni il primo, ventuno il secondo. La loro incursione nella discarica comunale è stata ripresa dalle telecamere di videosorveglianza e non è sfuggita agli agenti di polizia locale presenti in centrale operativa. Recatisi sul posto gli agenti hanno quindi fermato i due ladri a circa trecento metri dal luogo del furto mentre erano intenti a far sparire le loro tracce a bordo di una Mercedes Vito. Sequestrata la refurtiva, i ladri sono stati fermati e condotti alla centrale in via Dante, dopo l’iter identificativo, su decisione del pubblico ministero di turno. Padre e figlio sono sono stati denunciati a piede libero facendo quindi ritorno a casa in terra bergamasca. Dai cassoni della discarica i malviventi avevano prelevato cianfrusaglie dalle quali avrebbero poi ricavato pezzi di ricambio.

Un bottino di poco conto, mentre sono notevoli i danni lasciati alle spalle, per crearsi un varco di entrata in piattaforma ecologica, a cui l’ente pubblico dovrà poi far fronte mettendo mano alle casse comunali.

Tra risse e furti, il tema sicurezza è sempre più in primo piano in città, gli interventi di carabinieri e agenti di polizia locale non mancano ma sono spesso vanificati da denunce a piede libero che lasciano i responsabili liberi di tornare a delinquere.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?