"Ripristinare le linee è un nostro obiettivo ma il costo è proibitivo"

L’apertura della M4 a Linate è un’occasione per le nostre città, e siamo consapevoli di quanto questa importantissima scelta politica abbia pesato sulle economie del Comune di Milano, purtroppo però la revisione delle linee 73 e 73 e la soppressione della 38 fino a Novegro stanno creando notevoli difficoltà ai cittadini: a moltissimi studenti, anziani, lavoratori e persone con difficoltà motorie, per le quali l’utilizzo della M4 non è così immediato". In una recente lettera all’assessore alla mobilità di Milano Arianna Censi, il sindaco di Segrate Paolo Micheli e la vicesindaca di Peschiera Stefania Accosa (le modifiche ai mezzi di superficie riguardano anche San Bovio) fanno da cassa di risonanza ai disagi lamentati dalla popolazione, invocando il ripristino dei bus.

Per quanto riguarda la 38, gli abitanti di Novegro hanno chiesto al Comune di Segrate di coprire il costo delle fermate aggiuntive che permetterebbero di prolungarne il percorso. "Una richiesta alla quale non possiamo dare seguito, finché il bilancio dell’ente si trova in regime di pre-dissesto", risponde il sindaco. A.Z.