Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
12 feb 2022

"Ripartiamo...con prudenza La gente vuole ballare"

Dj Albertino: la pandemia ha fatto una scrematura, non ci si improvvisa. I migliori alla console? Noi cinquantenni. Chi lo avrebbe mai detto

12 feb 2022
dicristiana mariani
Cronaca
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche
Dj Albertino guarda alla ripresa delle discoteche

di Cristiana Mariani "Dove si balla, fottitene e balla" cantava Dargen D’Amico dal palco del Festival di Sanremo la scorsa settimana. Solo pochi giorni dopo, si torna a ballare davvero. Le discoteche hanno riaperto porte e piste da ballo, seppur con una capienza al 50%, l’obbligo per i clienti di esibire il Super green pass e di indossare la mascherina ovunque tranne che per consumare bevande, cibo e per ballare. Dj Albertino, siamo pronti a ripartire? "In realtà saremo pronti davvero probabilmente soltanto per la primavera o l’estate. Per ricominciare con le discoteche al chiuso invece siamo semi-pronti. È innegabile che la discoteca sia il luogo dell’aggregazione, il luogo nel quale si sta vicini. Non credo che la gente riesca a rispettare queste prescrizioni. Sono un po’ scettico sul buonsenso e sulla disciplina. Va però sottolineato che il settore delle discoteche e dei locali da ballo ha sofferto molto in questo periodo e qualcosa andava fatto". Quello delle discoteche è un settore che durante gli ultimi due anni è stato bistrattato. Come si augura possa essere la ripresa? "Le discoteche non sono state molto considerate dalle istituzioni e questo dimostra che non sono state sempre ben rappresentate. Mi auguro che questa pandemia, con tutto il rispetto per chi non ce l’ha fatta, possa aver fatto una scrematura e che si possa riprendere un po’ meglio di prima, con maggiore professionalità. È capitato in passato che qualcuno dicesse “faccio tante cose e apro anche una discoteca“, ma per gestire un locale occorre grande professionalità. Non ci si improvvisa". Se lei fosse stato un dj agli esordi avrebbe sentito il peso di questi due anni di stop per la diffusione del coronavirus? "In realtà dal punto di vista professionale per una persona della mia età aver perso due anni rappresenta un danno maggiore. Un giovane ha tutto il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?