Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 dic 2021

Richiesta danni a Uber: i rider salgono a 100

Sono parti civili nel processo all’ex manager con l’accusa di caporalato

18 dic 2021
I rider lavoravano a Milano, Torino e Firenze in condizioni di schiavitù (foto d’archivio)
Rider Uber Eats
I rider lavoravano a Milano, Torino e Firenze in condizioni di schiavitù (foto d’archivio)
Rider Uber Eats

Sono saliti a un centinaio i rider ammessi come parti civili, per gli eventuali risarcimenti danni, nel processo a carico della manager di Uber Eats (sospesa) Gloria Bresciani. Accusata di caporalato a seguito dell’inchiesta del pm Paolo Storari che aveva portato pure al commissariamento, il 29 maggio del 2020, della filiale italiana di Uber. Amministrazione giudiziaria revocata lo scorso marzo dai giudici della Sezione misure di prevenzione dopo il riconoscimento del percorso "virtuoso" intrapreso dalla società. Ierii nella seconda udienza del dibattimento, dopo che in fase di udienza preliminare e poi all’inizio del processo in corso avevano chiesto di entrare in totale oltre 60 rider, si sono presentati come parti civili altri 35 fattorini, che fanno le consegne di cibo a domicilio. E, rappresentati da una serie di legali tra cui l’avvocato Giulia Druetta, sono stati tutti ammessi dal giudice della nona penale Mariolina Panasiti. Una ventina erano anche presenti in aula, mentre all’esterno del Palazzo di Giustizia si è svolto un presidio con una cinquantina di lavoratori. Come emerso dall’inchiesta del Nucleo di polizia economico-finanziaria della Gdf, i rider venivano "pagati a cottimo 3 euro", "derubati" delle mance e "puniti" con decurtazione dei compensi se non stavano alle regole. Era in quei rapporti anfibi che si creavano le condizioni nelle quali — secondo quanto disvelato — migranti da Mali, Nigeria, Costa d’Avorio, Gambia, Guinea, Pakistan, Bangladesh, richiedenti asilo e dimoranti in centri di accoglienza straordinaria, "pertanto in condizione di estrema vulnerabilità e isolamento sociale", venivano "pagati a cottimo 3 euro a consegna, indipendentemente dalla distanza da percorrere, dal tempo atmosferico, dalla fascia oraria". Lo scorso ottobre era arrivata la prima sentenza di condanna per caporalato relativa proprio allo sfruttamento del lavoro dei ciclo-fattorini. Il gup Teresa De Pascale al termine del giudizio abbreviato inflisse una pena di 3 anni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?