I viaggiatori bloccati sul treno

Rho (Milano), 9 maggio 2018 - Guasto al motore del treno 10621 della linea Novara-Milano tra la stazione di Pregnana Milanese e quella di Rho e nuova odissea per i pendolari di Trenord. E' successo mercoledì mattina su un treno già affollato a causa della soppressione della corsa precedente.

Centinaia di pendolari sono rimasti letteralmente "prigionieri" per quasi due ore sulle carrozze in mezzo alla campagna, "senza aria condizionata, senza aprire le porte ed i finestrini sono bloccati - scrive una di loro - c'e gente che si sente male ce gente che sta andando nel panico. Siamo qui senza sapere nulla chiusi e ammassati". Poche anche le informazioni da parte di Trenord e qualche malore tra i passeggeri a causa del caldo e della mancanza d'aria. Intorno alle 10.30 è stato comunicato che si trattava di un "guasto tecnico" e che il treno guasto sarebbe stato trainato in stazione. Nel frattempo alcuni pendolari hanno aperto le porte e sono scesi sulla massicciata per respirare aria fresca. Molte anche le telefonate al 112. Soppressioni e ritardi fino a 90 minuti su tutta la linea.

L'ufficio stampa di Trenord spiega: "Abbiamo attivato tutte le procedure in tempi rapidi, purtroppo i viaggiatori hanno forzato le porte del treno 10621 e sono scesi sui binari. Per questo siamo stati costretti a fermare il convoglio che doveva andare a recuperarli, a bloccare l’intera linea e a sopprimere una serie di corse". Intorno alle undici sono iniziate le operazioni di recupero del treno trainato fino alla stazione di Rho-centro. A quel punto i pendolari sono scesi e hanno scelto treni alternativi per tentare di raggiungere Milano o tornare a casa.