Quotidiano Nazionale logo
13 feb 2022

Residenze e parcheggi Così rinasce l’ex Sapla

Pronta a partire la prima parte del recupero della fabbrica dismessa nel 2014 ma per proseguire resta da risolvere il nodo del parco difeso dai residenti

camilla garavaglia
Cronaca

di Camilla Garavaglia La riqualificazione dell’area ex Sapla è finalmente entrata nella fase attuativa che in tanti aspettavano: il sindaco Linda Colombo, infatti, ha già comunicato la firma della convenzione con l’operatore. "Operatore che – sono parole del sindaco – ha già preventivamente avviato i lavori per la bonifica dell’amianto presente nell’area, che da decenni costituiva un pericolo per la salute dei cittadini che abitano attorno". L’area ex Sapla, che copre un’area situata tra le vie Trieste, Diaz e XXV Aprile (non molto distante dal cinema teatro e dal municipio di Bareggio) diventerà un complesso residenziale: "Tre palazzine di due piani con classe energetica elevata, immerse nel verde - dice Colombo - con parcheggi e una pista ciclabile, che sarà collegata con le aree ex Alma e Sapla nord. Siamo soddisfatti per il recupero di questa e altre aree dismesse del centro storico: un’operazione promessa da tutte le Amministrazioni che si sono succedute negli ultimi anni, ma sempre rimasta solo tra le buone intenzioni". "L’area ex Sapla è una proprietà privata dismessa solo dal 2014 - commenta Monica Gibillini, sindaco dal 2008 al 2012 - perciò la situazione non è così da decenni come si vuol far credere. L’Arpa della Lombardia (l’Agenzia regionale per l’ambiente, ndr) ha rilevato il superamento dei parametri di arsenico e cromo esavalente nell’area e perciò ha prescritto la necessità della certificazione di idoneità del suolo prima di realizzare l’intervento residenziale. Il Comune stesso ha osservato la necessità di concludere la bonifica con il collaudo di Arpa prima del rilascio del permesso di costruire: più che dello smaltimento dell’amianto sono questi gli aspetti su cui è utile capire a che punto sono le operazioni di bonifica". L’opposizione contesta anche l’affermazione "immersa nel verde": "Il verde pubblico che verrà realizzato non è nulla di eccezionale, per cui non ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?