Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

Rapper accusato di rapina: "Fan, sono innocente"

Il gip non ha ritenuto attendibili le prove portate dalle difese e le misure cautelari nei confronti di tutti sono state confermate

anna giorgi
Cronaca
featured image
Il rapper BabyGang

Milano -  Confermate le misure cautelari per i rapper arrestati per rapine. Resterà in carcere Baby Gang, nome d’arte del ventenne Zaccaria Mouhib, arrestato il 20 gennaio nell’inchiesta che ha portato ai domiciliari anche altri due suoi amici, Amine Ez Zaaraoui, noto come Neima Ezza, e Samuel Matthew Dhahri, detto Samy. Lo ha deciso il gip Manuela Scudieri respingendo l’istanza di revoca della misura cautelare avanzata dalla difesa al termine dell’interrogatorio di sabato scorso. Davanti al gip, Baby Gang, difeso dall’avvocato Niccolò Vecchioni, ha negato di aver commesso la rapina a Vignate, nel Milanese, che gli viene contestata e ha detto "di aver cambiato vita".

Oggi lui vive "di musica" con contratti discografici già sottoscritti. Quella sera del 12 luglio scorso, infatti, ha chiarito Mouhib, era in viaggio in autostrada verso Rimini. Dai dati sulle celle telefoniche agli atti dell’indagine, secondo la difesa, si evince solo che lui era a Vignate alle 13.38 e dunque "ben 7 ore prima della rapina" ai danni di un ragazzo. Per il gip, invece, "la versione offerta dall’indagato allo stato non appare suffragata da riscontri" e c’è "un elevato rischio di recidiva". Inoltre, "il percorso positivo che sembra emergere dalla relazione della comunità Kayros" a cui è affidato il giovane, secondo il giudice, "sarebbe smentito dalla partecipazione ad un reato grave come quello in contestazione". Da qui la decisione di tenerlo a San Vittore. La difesa, però, ricorrerà al Riesame. Con il rapper, secondo l’accusa, ci sarebbe stata un’altra persona non identificata che aveva anche una pistola.

Ha presentato istanza di revoca dei domiciliari anche Neima Ezza che ha negato di aver commesso le rapine contestate, così come il 19enne Samy, difeso dal legale Robert Ranieli. In particolare, la difesa di Neima Ezza, Gaia Scovazzi, ha prodotto foto e video tratte dal suo profilo Instagram che proverebbero che il 20enne "non era sul luogo delle due rapine" che gli vengono contestate: una in concorso con Samy (del 22 maggio, bottino due collanine d’oro strappate dal collo di un ragazzo) e un’altra assieme a Baby Gang. La procura ha tenuto ferme le esigenze cautelari e la gravità degli indizi a suo carico, non accogliendo però la versione difensiva resa dal giovane, nell’interrogatorio di lunedì scorso. Sulle due rapine a lui contestate agli atti, aveva fatto notare la difesa di Neima, ci sono solo i riconoscimenti delle vittime "non validi" perché effettuati "praticamente solo con le foto degli indagati"Mentre i dati delle celle telefoniche dimostrerebbero, per il difensore che ora valuta se ricorrere al Riesame, l’innocenza del 20enne. Non aveva presentato istanza al gip, anche se ha negato anche lui le accuse, la difesa di Samy (ai domiciliari), Robert Ranieli che punta a depositare i tabulati e i dati delle sue storie postate sui social per dimostrare che non era sul luogo dei due colpìi che gli vengono attribuiti.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?