Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 mag 2022

"Mio figlio sotto choc dopo una rapina". Mamma coraggio scova il baby-delinquente

Niguarda, dodicenne minacciato per strada con coltello e derubato da un ragazzino di 14 anni: "Ho cercato il responsabile: l’ho trovato con la refurtiva". Poi la denuncia alla polizia

24 mag 2022
m.v.
Cronaca
La vittima è stata intercettata mentre era spasso con amici in via Pozzobonelli
La vittima è stata intercettata mentre era spasso con amici in via Pozzobonelli
La vittima è stata intercettata mentre era spasso con amici in via Pozzobonelli
La vittima è stata intercettata mentre era spasso con amici in via Pozzobonelli

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - Gli è bastato mostrare il coltello, "dalla lama di oltre 10 centimetri", per intimorire la sua vittima e derubarla spalleggiato dalla sua gang, domenica alle 19 in via Pozzobonelli in zona Niguarda. Ma il baby rapinatore, di 14 anni, non poteva immaginare che poi avrebbe dovuto fare i conti con la mamma del ragazzino preso di mira, di due anni più piccolo. La signora, come una leonessa, quando ha visto suo figlio rientrare a casa "sotto choc", come racconta lei stessa, e spogliato del suo cappellino e del marsupio con dentro la cassa per ascoltare la musica e il caricatore del cellulare, è salita in auto a caccia del ragazzino e nel mentre ha chiamato la polizia.

Un lavoro di squadra: "Con me c’era il secondogenito, di 14 anni, mentre il più grande di 17 perlustrava la zona in bici", spiega la donna. Dopo pochi minuti, l’avvistamento: "Il rapinatore era sul marciapiedi di via D’Anzi, sempre nel quartiere, con in testa il cappellino di mio figlio e il suo marsupio legato in vita. Mi sono fatta restituire tutto. Non c’è stato neppure bisogno che scendessi dalla macchina: avrà visto il mio sguardo di fuoco". Quando la Volante della polizia del commissariato Greco-Turro, guidato dal dirigente Antonio D’Urso, è arrivata sul posto, la refurtiva era già stata restituita alla mamma del dodicenne. E per il quattordicenne, che ha già commesso rapine dello stesso tipo, è scattata la denuncia.

Domenica il dodicenne era a spasso in bicicletta con altri due amichetti, "quando – spiega la mamma – si è imbattuto in questo ragazzino, che lui conosce di vista, accompagnato da altri suoi amici. Ha mostrato il coltello e mio figlio, intimorito, non ha reagito. Poi gli ha slacciato il marsupio mentre un altro gli rubava il cappellino. Infine il gruppetto è scappato con il bottino, infilandosi nel Parco Nord. Mio figlio e i suoi amici hanno provato a inseguire i fuggitivi con le bici ma hanno dovuto desistere quando si sono dileguati tra i cespugli. Lui è poi tornato a casa impaurito e avvilito. Non è andato neppure a scuola, lunedì e martedì: ha preferito fare lezione a distanza".

La mamma della vittima è furiosa. "Non si fa abbastanza. Chi è più piccolo, o più fragile, subisce continuamente angherie e viene pure rapinato in strada. Io sono nata e cresciuta nel quartiere di Niguarda ma un clima così brutto non c’è mai stato: vorrei che ci fosse un maggiore controllo e più presenza delle istituzioni, perché ci sono tanti ragazzi “difficili“ che devono essere recuperati ma soprattutto ragazzini che hanno il diritto di andare a scuola e di girare per il loro quartiere senza paura di fare brutti incontri".

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?