Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
26 mag 2022

Milano: piccole oasi pedonali in 5 luoghi del centro

Dalla sperimentazione al “per sempre“: "sì" della giunta del Municipio 1 per Laghetto, Molino delle Armi, Giovine Italia, Santa Tecla e Vetere

26 mag 2022
dimarianna vazzana
Cronaca
Sperimentazioni. dal periodo Covid per l’occupazione di suolo pubblico a ridosso delle attività commerciali
Sperimentazioni. dal periodo Covid per l’occupazione di suolo pubblico a ridosso delle attività commerciali
Sperimentazioni. dal periodo Covid per l’occupazione di suolo pubblico a ridosso delle attività commerciali
Sperimentazioni. dal periodo Covid per l’occupazione di suolo pubblico a ridosso delle attività commerciali

di Marianna Vazzana Durante l’emergenza Covid, porzioni di strade sono state strappate al traffico e trasformate in mini slarghi con tavolini e spazi per i pedoni. In termini tecnici, "pedonalizzazioni di natura sperimentale" per "consentire l’occupazione di suolo pubblico connessa all’esercizio di attività commerciali" rispettando le restrizioni in tempo di pandemia. Adesso che fare? Alcuni punti potrebbero trasformarsi in piccole oasi pedonali definitivamente. La giunta di Municipio 1 ha espresso parere favorevole alla richiesta presentata dalla Direzione Mobilità del Comune in merito a cinque siti che si trovano in via Laghetto, in via Molino delle Armi, in piazza Giovine Italia, in via Santa Tecla e in via Vetere. Un "sì" purché ci siano accorgimenti: la giunta del centro storico chiede di intervenire per rigenerare le aree, di garantire l’accessibilità degli spazi alle persone diversamente abili e con difficoltà di deambulazione; di recuperare gli stalli di sosta per residenti (strisce gialle) che siano stati cancellati. Nella delibera del 19 maggio si specifica che "la proposta di delimitazione definitiva è motivata dal fatto che gli interventi viabilistici" realizzati "hanno consentito una complessiva riduzione del traffico nelle aree interessate e prodotto effetti sulla riorganizzazione dei flussi veicolari privati" e hanno anche portato a "un incremento della qualità urbana, promuovendo lo sviluppo economico locale e generando nuovi luoghi di socializzazione". Per i singoli luoghi ci sono delle richieste specifiche: in merito a via Laghetto, prevedere la riqualificazione dal civico 7 fino all’intersezione con via della Signora, ridefinendo lo spazio del marciapiedi ed eliminando le porzioni della carreggiata con parcheggi selvaggi, "riducendo la carreggiata ai 3 metri di sezione necessari in base al codice della strada". Per Molino delle Armi si auspica "il coordinamento con il cantiere M4" e che gli spazi pedonalizzati siano in armonia con i futuri interventi di riqualificazione superficiale. Anche per piazza Giovine ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?