Rendering di come sarà la piattaforma galleggiante

Milano, 12 ottobre 2018 - Otto ricorsi contro l’installazione della piattaforma galleggiante in Darsena. Quattro al presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Quattro al Tribunale amministrativo regionale. Una residente del quartiere, la cui abitazione è a 280 metri dal Porto dei milanesi, ha tirato in ballo Quirinale e Tar pur di bloccare la struttura galleggiante di 24 metri per sette per un totale di 168 metri quadrati che il Comune vorrebbe collocare sul lato di via Gorizia della Darsena.

L’abitante anti-movida contesta sia la delibera sia la gara fatte dall’amministrazione per la piattaforma. La Giunta guidata dal sindaco Giuseppe Sala, tramite l’Avvocatura comunale, si è costituita in giudizio davanti al Tar per contrastare i ricorsi, le cui udienze sono fissate tutte per il 24 gennaio 2019. Palazzo Marino, intanto, rispedisce al mittente le preoccupazioni anti-movida della ricorrente, facendo notare che nel bando sono fissati «paletti» orari molto rigidi sull’utilizzo della piattaforma: gli eventi sopra la struttura potranno essere organizzati solo tra le 8 e le 20 negli giorni feriali e tra le 9 e le 23 nei giorni festivi e prefestivi.

Ricorsi a parte, l’iter per l’installazione della piattaforma è fermo da mesi. La gara per lo spazio galleggiante, infatti, si è conclusa lo scorso dicembre con l’assegnazione ad Aadv e Seed Events, che hanno offerto 100 mila euro per il canone annuo, quasi il doppio della base d’asta fissata dal Comune (53.283). Dieci mesi dopo, però, la struttura non è stata ancora installata. Per quale motivo? Edoardo Dalla Torre di Seed Events spiega che «dal giorno della gara non abbiamo più avuto notizie. Ci siamo fermati per capire come il Comune volesse la piattaforma galleggiante e cosa effettivamente potremmo fare sopra la struttura. Nel frattempo abbiamo fatto una richiesta all’amministrazione per organizzare iniziative in Darsena per Natale con una pista di pattinaggio. Ma il Comune non ci ha ancora dato una risposta in merito. L’utilizzo della piattaforma, pur separato dal progetto per il Natale, potrebbe essere interessante durante il periodo festivo».