Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
9 giu 2022

Pgt, ancora bufera sulla variante Il sindaco si difende: più verde

Zacchetti replica alle accuse "Abbiamo ridotto un quarto dell’edificabilità nell’area e dato più spazi per lo sport"

9 giu 2022
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende
Il sindaco di Cernusco Ermanno Zacchetti si difende

"Più sport e più verde: ecco le ragioni che ci hanno spinto ad adottare la variante 2 al Piano di governo del Territorio". La Giunta di Cernusco si difende dopo lo stop di Città Metropolitana al documento e la denuncia pubblica della questione da parte di otto consiglieri. Al centro della polemica lo stralcio dell’edilizia convenzionata in via Cevedale convertita dall’amministrazione in libera, cioè a prezzi di mercato, il punto controverso del provvedimento. "Abbiamo cancellato un quarto dell’edificabilità", spiega il sindaco Ermanno Zacchetti, che respinge al mittente anche l’accusa di avere tenuto nascosto il parere dell’ex Provincia: "Non abbiamo mai negato a nessuno l’accesso ai documenti". Il primo cittadino ricorda gli obiettivi del piano. "Innanzitutto la modifica dei confini del Parco delle Cave per ampliare il Centro sportivo di via Buonarroti e permettere la costruzione di nuovo campo da baseball". E poi i cambiamenti relativi alle lottizzazioni, via Cevedale "con più aree verdi a compensazione", e via Brescia, dove invece il mattone calmierato c’è su un’area da rigenerare. "La variante ha lo scopo di offrire servizi migliori, in questo caso sportivi, e di tutelare l’ambiente – sottolinea il primo cittadino –. Fra i suoi effetti ci sono minori volumetrie e quindi minor consumo di suolo e un numero ridotto di nuovi insediamenti; l’aumento del patrimonio verde del Comune già tra i più alti di Città Metropolitana con 71,5 metri quadrati pro capite contro una media provinciale di 32; la salvaguardia di aree pregiate come i cannocchiali della Melghera e di Villa Alari, il pezzettino del Parco degli Aironi a Nord verso Carugate". Concetti che saranno ribaditi a Palazzo Isimbardi che ha chiesto lumi alla giunta sulle scelte contenute nel dossier. Bar.Cal.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?