Milano, 20 febbraio 2017 - Da oggi Patrizia Reggiani è una donna completamente libera. La Reggiani era stata condannata a 26 anni per l'omicidio del marito Maurizio Gucci, ucciso a colpi di pistola nel 1995 nella centralissima via Palestro a Milano (LA SCHEDA - L'omicidio che sconvolse la 'Milano bene). Il giudice di Sorveglianza Roberta Cossia non ha infatti applicato, come chiesto dal suo difensore Danilo Buongiorno, i tre anni di libertà vigilata che le rimanevano da scontare. Anche la Procura aveva dato parere favorevole alla revoca della misura. 

"Mi sento molto sollevata e non avendo capito un tubo, non sapevo nemmeno ci fossero altri tre anni", aveva detto dopo l'udienza. "Male - aveva risposto ai giornalisti che le chiedevano come stava - ho avuto un'operazione alla gamba e ho difficoltà a muovermi". Come sono stati questi ultimi anni di libertà? Le era stato chiesto: "Bellissimi ma io stavo bene anche prima, al Victor Residence", aveva risposto ricordando la sua definizione del carcere di San Vittore, dove ha trascorso 17 anni.