Pane in Piazza a Milano
Pane in Piazza a Milano

Milano, 25 aprile 2019 - È tempo di Pane in Piazza 2019, la grande kermesse benefica evento clou di Milano Food City organizzata da Famiglia Marinoni e Missioni Estere Cappuccini onlus di Milano con i patrocini del Comune, Confcommercio, la partnership di Società Umanitaria, dell’Istituto di formazione professionale Ciofs di Cinisello Balsamo e di Pane Quotidiano Onlus, associazione milanese che ogni giorno si occuperà di distribuire l’invenduto ai poveri della città.

Oggi, primo giorno della manifestazione,è stato il sindaco di Milano Giuseppe Sala ad inaugurare Pane in Piazza alle 10.30 nella tensostruttura in piazza del Duomo dove 150 panificatori venuti da tutta Italia sforneranno fino al 4 Maggio in diretta le loro specialità regionali per raccogliere fondi da destinare alla diocesi di Harar, in Etiopia, con l’obiettivo di costruire un grande panificio industriale. In occasione della visita del primo cittadino è stato mostrato al pubblico lo straordinario Cenacolo di pane, opera di 1.40 metri di altezza e 2 metri di lunghezza realizzata dal panificatore napoletano Pasquale Esposito per celebrare i 500 anni dalla morte di Leonardo. A seguire, il pluripremiato barman italiano Angelo Carpentieri, ha offerto agli ospiti due aperitivi aromatici di sua invenzione dai nomi simbolici: “Fratello”, analcolico speziato con succo di carota, rosmarino e fiori profumati e “Sorella”; riedizione di “Hugo”, dalla leggera gradazione alcolica, a base di spumante, liquore Saint Germain ai fiori di sambuco, barba dei frati, menta, succo di limone e soda. Quest’ultimo punta ad omaggiare anche Notre Dame, la cattedrale francese recentemente colpita da un tragico incendio e Victor Hugo, celeberrimo autore dell’omonimo romanzo dedicato alla stessa. Durante il rinfresco, Carpentieri ha servito anche dell’acqua solarizzata nota per le numerose proprietà benefiche acquisite attraverso una mirata esposizione ai raggi solari.

Non mancano infine una ricca selezione di delizie dolci e salate preparate dal fornaio di Bari Nicola Guerra, ‘capitano’ della squadra di panificatori del Sud.  A 'Pane in Piazza' la regina è la michetta, tipico pane milanese, a cui si affiancanobiove e grissini piemontesi, le mafalde siciliane, il pane di Matera, il pane di grano duro tipico di molte regioni del sud Italia; insomma tutti i pani regionali saranno presenti, oltre a pizze napoletane e focacce liguri e a seguire tanti dolci, insomma un vero viaggio nell’Italia panaria. Tantissimi gli appuntamenti per cittadini e turisti.  Già prevista per tre sere in Piazza Duomo e un pomeriggio alla Società Umanitaria la degustazione di pane e olio curata dal Consorzio ASSITOL, Associazione italiana Industria Olearia. Infine, a chiudere la kermesse benefica sarà una solenne Santa Messa in Duomo presieduta da S.E. Mons. Angelo Pagano, Frate Minore Cappuccino Vicario Apostolico di Harar, responsabile di tutte le opere sociali del Vicariato e destinatario del Progetto Panificio St.Agustine. Concelebreranno i Frati Cappuccini del convento di Piazza Cimitero Maggiore 5 con altri confratelli.

Il 3 settembre dello scorso anno è giunto al Segretariato Cattolico di Dire Dawa, a 50 km da Harar, un grande container con tutto il necessario per avviare un primo forno per la panificazione, installato e poi inaugurato il 26 ottobre da Cesare Marinoni. Un prezioso obiettivo è raggiunto: questo primo piccolo panificio già rifornisce di un buon quantitativo di pane i più poveri tra i poveri, come i 1.500 ospiti dell’Istituto delle Suore di Madre Teresa di Calcutta e 150 bambini orfani.