Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

Milano, il tour in farmacia per l’ossicodone: "Due o tre al massimo, non di più"

Inchiesta della Dda, il giro di ricette false e i medicinali oncologici rivenduti in Albania al 40% in meno 

11 giu 2022
giulia bonezzi e nicola palma
Cronaca
Gli investigatori hanno installato microcamere negli uffici di alcuni indagati
Gli investigatori hanno installato microcamere negli uffici di alcuni indagati
Gli investigatori hanno installato microcamere negli uffici di alcuni indagati
Gli investigatori hanno installato microcamere negli uffici di alcuni indagati

Milano - ​Sette farmacie in due ore e 46 minuti. Un tour per procurarsi medicinali di ogni genere, da spedire a Tirana per rivenderli al mercato nero. Era una delle attività più remunerative per il 55enne albanese Ndue Pulaj, arrestato due giorni fa dagli agenti della Squadra mobile di Bergamo e dai carabinieri del Nas di Milano perché ritenuto il capo di un’associazione a delinquere che per tre anni ha lucrato in vari modi sulla sanità italiana, generando un danno complessivo stimato dagli investigatori in almeno 656mila euro tra il 2020 e il 2021, e profitti per 447mila. L’organizzazione, infatti, era sì artefice di un complesso sistema che favoriva l’ingresso di clandestini in Italia (spacciandoli per malati gravi), ma una parte consistente del business era rappresentata dall’approvvigionamento a getto continuo di farmaci costosi, che venivano ripiazzati in patria con una decurtazione del 40%. Il giro illegale era alimentato dalle ricette rosse compilate dai medici complici Domenico Carriero e Domenico Paternicò (a loro volta finiti in carcere), che consentivano a Pulaj di presentarsi al banco e ritirare i medicinali a nome di cittadini stranieri iscritti illegalmente al Servizio sanitario nazionale (Ssn). Ovviamente senza pagare un euro, visto che avevano il codice di esenzione "048", riservato alle patologie neoplastiche maligne e ai tumori di comportamento incerto. Annotazione della polizia del 4 marzo 2021, Pulaj inizia il giro delle farmacie da piazza Pompeo Castelli: entra alle 16.40 e esce dopo alcuni minuti con "un bustone del tipo della spesa che risulta essere pieno di medicinali". Alle 17.13, la seconda tappa in via San Galdino, zona Cenisio: pure da lì l’albanese se ne va "con una busta in plastica di colore bianco che risulta essere piena". E avanti così: 17.39 in viale Pasubio, poco dopo in via Casoretto, quindi doppia tappa lungo via Padova e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?