Quotidiano Nazionale logo
10 mag 2022

Omicidio Redaelli, tutto da rifare Ricostruzione e verdetto “illogici“

La Corte di Cassazione, su richiesta anche della Procura generale: nel processo bis da riconsiderare le prove ritrovate sulla scena del crimine e il dna dell’imputato Mario Zaffarana condannato a 21 anni

stefania totaro
Cronaca

di Stefania Totaro Da rifare il processo a Mario Zaffarana, 60enne condannato a 21 anni di reclusione anche in appello per la morte del vicino di casa Michelangelo Redaelli, disoccupato pregiudicato di 54 anni di Solaro trovato sgozzato nel box della sua abitazione il 23 dicembre 2017. Lo ha deciso la Corte di Cassazione, che ha annullato con rinvio ad un’altra sezione della Corte di Assise di Appello di Milano il procedimento giudiziario. A chiederlo era stata anche la Procura generale all’udienza del ricorso presentato dagli avvocati di Zaffarana, Luca Valaguzza e Marco Turconi, che ritengono “illogici“ la ricostruzione accusatoria e di conseguenza il verdetto di colpevolezza. Da riconsiderare al processo di appello bis dovranno essere soprattutto i profili di prova ritrovati sulla scena del delitto e relativi al dna dell’imputato, ancora detenuto in carcere, che si è sempre protestato innocente. I carabinieri avevano trovato un profilo di dna compatibile con quello del muratore nella zona dove si trovava il garage della vittima, ma quel corsello dei box era frequentato da tutti gli inquilini del condominio compreso Mario Zaffarana. E un’altra traccia biologica che può essere associata all’imputato sul giubbetto di Michelangelo Redaelli, che il 54enne aveva ancora addosso quando è stato trovato morto, con la manica sinistra fuori dal braccio, ma che, è emerso al processo, gli inquirenti avevano spostato e messo a terra per permettere al medico legale di procedere con l’ispezione del cadavere e poi custodito come prova indiziaria. E questa circostanza aveva causato un duro scontro tra accusa e difesa. Zaffarana è imputato di omicidio volontario con le aggravanti della premeditazione e dei motivi futili e abietti. Per lui il pm della Procura di Monza Carlo Cinque aveva chiesto la condanna all’ergastolo, ascrivendo il movente del delitto a vecchi e incancreniti dissidi condominiali. Contro Zaffarana l’indizio che lui ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?