Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Manifestazione di sostegno al sogno olimpico di Milano (Fotogramma)

Milano, 11 settembre 2018 - Milano c'è,  ma alle sue condizioni. Comune e Regione ripetono ormai da settimane al Governo e al Coni che il capoluogo lombardo deve essere la città capofila della candidatura italiana per le Olimpiadi invernali del 2026 che vede in corsa anche Torino e Cortina d’Ampezzo. Il sindaco Giuseppe Sala e il governatore Attilio Fontana hanno ribadito la linea anche ieri mattina a Roma davanti al sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti e al presidente del Coni (il Comitato olimpico nazionale italiano) Giovanni Malagò. Al termine dell’incontro, durato un’ora e mezza, è il presidente della Regione Fontana che riassume la posizione milanese-lombarda: «Riteniamo importante che Milano sia l’architrave di queste Olimpiadi. Abbiamo avuto una riunione molto importante. Noi parteciperemo, ma dovremo vedere quali sono le condizioni di questa gestione perché sarà complicato e ci sarà bisogno di precisione sulla governance. Se ci sfileremo in caso contrario? Non lo so, prima di parlare di queste cose dovremo ascoltare le richieste delle altre città e quello che deciderà il governo».

Milano «architrave» significa che Comune e Regione pretendono da Governo e Coni che al capoluogo lombardo, in un modo o in un altro, venga riconosciuta la guida della candidatura a tre. Ma l’accordo politico ancora non c’è. Il segretario generale del Coni nonché coordinatore del dossier di candidatura per i Giochi del 2026 Carlo Mornati predica ottimismo: «Se c’erano dubbi su Milano, oggi (ieri, ndr) possiamo dire che l’intenzione di Milano è invece quella di partecipare. Sala vuole difendere il brand Milano e questo è facile, basta che ci sia il nome della città. Non a caso il nostro dossier si intitola Cortina-Milano-Torino». La posizione di Milano, però, è diversa, come precisano da Palazzo Marino: Milano deve essere la «prima», non «una» delle tre. Il braccio di ferro con Governo e Coni continua, l’asse tra Comune (di centrosinistra) e Regione (di centrodestra) regge.

Il tempo, intanto, stringe. Oggi, sempre a Roma, i rappresentanti di Milano (Sala non ci sarà perché in missione a San Francisco), Torino e Cortina si ritroveranno. In vista un altro incontro interlocutorio. La scadenza è un’altra, come sottolineato da Mornati: «Il 19 settembre dobbiamo dare una risposta al Cio (il Comitato olimpico internazionale, ndr), dobbiamo essere in grado di andare a Losanna e dare il nome di una candidatura italiana». I passaggi successivi saranno a Buenos Aires: esecutivo del Cio il 3-4 ottobre e sessione del Cio che approverà le candidatura in campo per le Olimpiadi 2026 l’8 e 9 ottobre.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.