Quotidiano Nazionale logo
14 feb 2022

"Non cancellate Villa Angelino"

La proprietà vuole trasformarla in una palazzina moderna, siti-in dell’associazione Orizzonte per dire no

alessandra zanardi
Cronaca
Il presidio. contro l’abbattimento di Villa. Angelino e degli alberi nel giardino
Il presidio. contro l’abbattimento di Villa. Angelino e degli alberi nel giardino
Il presidio. contro l’abbattimento di Villa. Angelino e degli alberi nel giardino

di Alessandra Zanardi Quale futuro per Villa Angelino? Il dibattito resta acceso anche sull’onda di un sit-in organizzato ieri dall’associazione Orizzonte, che si batte per cercare di salvare l’antico stabile da un possibile abbattimento. Quella all’angolo tra le vie Costituzione e Trieste è una villa che risale all’inizio del Novecento e rappresenta dunque un pezzetto della storia di San Giuliano. Dopo la recente scomparsa di Rita Angelino, nata e vissuta in quella casa fino all’età di 96 anni, l’immobile è passato in capo alla società di costruzioni che lo aveva già acquisito in precedenza, concedendo alla signora Angelino l’usufrutto. L’intenzione dell’impresa è trasformare la villa in una moderna palazzina in classe energetica "A". Si presume dunque che l’abitazione originaria verrà abbattuta per fare spazio alla nuova costruzione e il colpo di spugna cancellerà anche il giardino, dove per altro si trovano due secolari cedri del Libano. Nei giorni scorsi, dopo un primo appello lanciato da Orizzonte per cercare di salvare gli alberi e l’impianto originario della casa, sul tema è intervenuto il sindaco Marco Segala, che ha lasciato poche speranze rispetto ad un recupero edilizio rispettoso dell’esistente. È dal 1966 che "quell’area è sempre stata prevista come edificabile, ad uso residenziale - ha spiegato il primo cittadino -; ne sono dimostrazione tutti i piani urbanistici susseguitisi negli anni, che non hanno mai rilevato un interesse né architettonico per l’immobile, né paesaggistico. Neppure la Soprintendenza ha mai emesso alcun decreto che apponesse un vincolo diretto di tutela". Ma il presidente di Orizzonte Paolo Rausa non ci sta. "La Soprintendenza - dice - non si è pronunciata perché, ad oggi, non è mai stata interpellata. Il Comune, al contrario, avrebbe potuto e dovuto coinvolgerla". L’associazione resta convinta che la villa rappresenti un patrimonio storico che vale la pena tutelare. Al sit-in hanno partecipato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?