Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Belen Rodriguez e Nina Moric in tribunale a Milano

Milano, 4 luglio 2018 - Formali saluti e baci (di Giuda) prima di entrare in aula, poi una gelida scarica di reciproci veleni, che aveva tutta l’aria di affondare le radici in vicende ben più lunghe e complicate di quelle discusse ieri in tribunale. Davanti al giudice della decima sezione penale è andato in scena uno sfogo quasi da Grande Fratello, in aula (finalmente) un lungo faccia a faccia liberatorio fra due bellissime primedonne che hanno diviso amore e sventure di un impegnativo e ingombrante Fabrizio Corona. 
Nina Moric, la ex moglie ufficiale e madre di Carlos Corona, magrissima con un tubino nero al ginocchio, tacchi fluo e occhiali neri di rito, denunciata da Belen Rodriguez, la ex fidanzata di Corona, minigonna vertiginosa e sandali altissimi neri. Look insoliti per le aule di giustizia e la prima frecciata di Nina è stata proprio sul look di Belen: «Che minigonna, allora poteva venire in bikini».

Ma alle soubrette si perdona tutto, considerando gli ammiratori, tanti tra avvocati e dipendenti che hanno voluto un selfie con le bellissme. Il «casus belli»: Nina Moric in un’intervista a «La Zanzara» di Giuseppe Cruciani aveva detto che Belen era una «strega cattiva» e che assomigliava a un «viados», per via dell’abuso di chirurgia estetica. «Viados significa un transessuale che si prostituisce - ha detto Belen -. Io ho denunciato non per avere denaro, che darò in beneficenza, ma perché siamo oltre il limite». Poi l’affondo di Belen, quello che lei come donna e come madre ritiene insopportabile: «Mi ha accusata di avere causato gravi danni psicologici a suo figlio quando stavo con Fabrizio - spiega -. Di girare sempre nuda per casa, di dormire nuda con il seno rivolto verso il bambino, facendo capire che lo molestavo sessualmente». «Io e il bambino - assicura - avevamo un bel rapporto anche se, quando veniva a casa mia e di Fabrizio, aveva paura a parlarmi perché diceva che andavo a letto con tutti gli uomini. Erano cose che gli diceva la mamma, io cercavo di portarlo su altri discorsi e allora si scioglieva, era un bambino tranquillo». 

«Sono una mamma - prosegue la showgirl - so cosa vuol dire essere mamme e amare i propri figli, quando ricevi accuse così è normale essere condizionati». Belen si è sentita ferita anche dai messaggi su Instagram di suoi follower che commentavano le dichiarazioni della Moric: «Mi sono trovata mille volte al bar a rispondere alla mamme che mi chiedevano conto delle sue affermazioni». E ancora: «È stato un comportamento incivile - ha continuato Belen - Moric è un personaggio famoso come lo sono io e queste accuse hanno avuto una grande risonanza». La Moric, invece, ha reso dichiarazioni spontanee: «Anche lei mi ha diffamato scrivendo sui social che io sono una psicopatica e squilibrata e ha giudicato il mio ruolo di madre, una cosa che io non farei mai, ma non l’ho mai querelata». E ancora: «Comunque la stimo perché da donna di successo quale è ha anche il tempo di stare sui social». La Moric a margine ha sottolineato che, a suo avviso, un Tribunale dovrebbe occuparsi di reati gravi, come lo spaccio e gli omicidi, e non di episodi come questo. «Questo è solo puro spettacolo», ha concluso. E lo spettacolo continua. L’11 settembre, sempre alla decima sezione penale, ci sarà la seconda udienza del processo.

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.