Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

Niente bagni nei Navigli inquinati

11 giu 2022

Rischio sicurezza e rischio sanitario legato alla ancora possibile presenza del Sars cov2, ordinanza comunale firmata: niente tuffi o balneazione nel Naviglio o in qualsiasi canale gorgonzolese. La firma nei giorni scorsi, su imprimatur di Ats e a rinforzo di un divieto già esistente, per quanto concerne il Naviglio Martesana, da parte del consorzio di gestione. Per i trasgressori scatteranno multe sino a 500 euro. La premessa: navigli e canali non sono "per loro natura intrinseca" corpi idrici superficiali destinati alla balneazione in quanto manufatti destinati ad altri usi: irriguo, industriale, navigazione, produzione di energia e via dicendo. "Spesso inoltre – così nell’ordinanza – vi hanno recapito scarichi singoli o collettivi scarichi provenienti da impianti di depurazione di acque reflue civili e industriali, che, per tipologia, potrebbero risultare contaminate da Sars Cov2". Una comunicazione specifica era stata notificata ai Comuni da Ats alla fine di maggio: vi si chiedeva espressamente ai Comuni di disporre provvedimenti di divieto permanente di balneazione "non esistendo punti che consentano di accedere e fruire delle acque in condizioni di sicurezza e neppure sistemi che impediscano la permanenza dei bagnanti in acqua di scarsa qualità". Le zone interdette alla balneazione sono già indicate da una segnaletica apposita. Per monitorare il rispetto dell’ordinanza saranno organizzati servizi specifici di controllo: 25 euro la multa minima, 500 la massima. Non c’è, in quest’area, un rischio sicurezza legato ai bagni comparabile a quello fronteggiato ogni anno nei Comuni di fascia fluviale. E anche il bagno in naviglio e canali non è abitudine “inveterata” come accade nel fiume. Peraltro, la non balneabilità è certificata e non si presta a equivoci. "Tuttavia – sottolinea l’ordinanza – le sponde e le rive potrebbero essere ugualmente utilizzate come ‘spiagge’. Pertanto è opportuno garantire la vigilanza sul rispetto dei protocolli e delle regole di gestione e di comportamento". M.A.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?