Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
9 giu 2022

"Nessuno può stare tranquillo"

Litigi, urla, tensioni e paura. E un anno fa l’egiziano. aveva minacciato il suicidio. appeso sul cornicione

9 giu 2022

Su quello stesso cornicione, da cui la compagna è stata salvata dai pompieri, c’era salito pure lui. Solo un anno fa, tutta via Milano era rimasta col naso in su per ore a osservare l’egiziano che minacciava di buttarsi nel vuoto. Ambulanze, vigili del fuoco, carabinieri e polizia locale erano intervenuti, dopo che i residenti avevano segnalato la presenza di un uomo che si era arrampicato, minacciando di uccidersi. E, alla fine, il salto dal primo piano lo aveva pure fatto. Un gesto forse più dimostrativo che un reale tentato suicidio (pochi i metri tra quel primo piano e l’asfalto). Il motivo di quel gesto non si è mai capito.

Lo straniero, però, è conosciuto dalle forze dell’ordine anche per essere un assuntore di sostanze stupefacenti. "Litigavano dalla mattina alla sera, si sentivano spesso urla. Da quando era tornato in questa palazzina, era finita la calma", raccontavano ieri i vicini di casa, alcuni dei quali hanno subito soccorso la romena 34enne, andandole letteralmente incontro sul cornicione quando stava tornando verso il suo balcone da quello dell’appartamento vicino, rimasto con le finestre spalancate e vuoto per lavori in corso. Sono stati proprio gli altri inquilini i primi a soccorrerla, prima dell’arrivo dei sanitari del 118, che poi l’hanno portata in codice giallo all’ospedale San Gerardo, e delle forze dell’ordine. Tuttavia, anche il comando della polizia locale in questi mesi non aveva mai ricevuto alcuna segnalazione, nemmeno per disturbi o liti violente. "Il fatto che fosse agli arresti domiciliari e condividesse la casa proprio con la donna che aveva maltrattato lascia perplessi tutti noi – ha commentato il sindaco Angelo Rocchi –. Speriamo che la donna si rimetta al più presto e che l’aggressore non sia più messo nelle condizioni di fare del male a nessuno". La.La.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?