Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

Moratti: rilievi non sostanziali. Pd e M5S: falso

La vicepresidente lombarda esulta per il via libera. I Dem: temi non banali. I pentastellati lasciano l’Aula

La vicepresidente Letizia Moratti
La vicepresidente Letizia Moratti
La vicepresidente Letizia Moratti

"Segnalazioni migliorative, suggerimenti lessicali e precisazioni formali": così Letizia Moratti riassume la natura dei rilievi mossi dal Governo alla legge sulla sanità lombarda. Parole proferite ieri in Consiglio regionale, nel corso dell’audizione chiesta dalle opposizioni. "La riforma è stata approvata ed entrerà in vigore nella sua pienezza normativa – ha affermato la vicepresidente della Regione –. L’istruttoria del Governo è stata minuziosa. Per questo il via libera ottenuto acquista ancora più valore ed è per noi motivo di gratificazione tecnica, politica e istituzionale. La nostra più grande soddisfazione è che l’impianto è stato totalmente condiviso, alcune osservazioni formulate riguardo imperfezioni formali o burocratiche non incidono sulla normale entrata in vigore della legge, che – conclude la Moratti – non dovrà tornare in Aula". Un passaggio da precisare quest’ultimo: se è vero che la legge 22 non tornerà in Consiglio, è altrettanto vero che dovrà essere emendata in alcuni punti e questo accadrà proprio in Consiglio regionale in occasione della legge di revisione normativa ordinamentale, come si è impegnato a fare il governatore Attilio Fontana. Da qui il commento di Fabio Pizzul, capogruppo lombardo del Pd: "Il primo punto fermo è che il Consiglio regionale dovrà modificare la riforma per accogliere i rilievi del Governo. E non saranno modifiche banali perché riguardano, tra l’altro, la medicina territoriale, con le case di comunità, la programmazione dei servizi e quindi anche l’apporto del privato e il meccanismo delle nomine dei direttori generali. Quello che Fontana e Moratti stanno cercando di nascondere è che nella trattativa a Roma hanno accettato qualsiasi modifica pur di farsi accogliere una legge che tocca il nervo scoperto della Giunta di centrodestra". Il Movimento 5 Stelle, in segno di protesta, ha lasciato l’aula prima che la Moratti iniziasse a parlare: "Lo spettacolo dell’assessore che si prende il palcoscenico per ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?