Monopattini a Milano
Monopattini a Milano

Milano, 10 dicembre 2019 -  È ancora presto per fare un bilancio su sanzioni e rispetto delle regole, ma da ieri i monopattini possono circolare liberamente a Milano. A patto di rispettare lo stradario e le norme fissate per mettere ordine nella giungla delle nuove forme di mobilità. Ha preso ufficialmente il via nel capoluogo lombardo, infatti, la sperimentazione ministeriale fino al 2021 alla quale Palazzo Marino ha scelto di aderire. La posa dei 130 segnali stradali nella cintura esterna è stata completata. E sono partiti i controlli della polizia locale sul rispetto delle regole, con le comprensibili difficoltà per agenti a piedi nell’intercettare i mezzi in movimento in aree pedonali o piste ciclabili. «Auspichiamo - spiega Emilio Boccalini presidente di Taxiblu 02.4040 e appTaxi- che da parte di tutti vi sia una maggiore attenzione e un controllo costante, così come avviene per i mezzi tradizionali».

La circolazione è vietata sulle carreggiate stradali e sui marciapiedi. Tutti i veicoli, monopattini elettrici, Segway, hoverboard e monoruota, possono circolare nelle aree pedonali purché la velocità non superi i 6 chilometri orari, mentre solo monopattini e Segway possono circolare su piste e percorsi ciclabili, ciclopedonali e nelle Zone 30, limitando la velocità a 20 chilometri orari. Stop nelle aree verdi, in attesa di una modifica del regolamento del verde ad opera del Consiglio Comunale. Insieme alla circolazione privata, partono i servizi di sharing di monopattini elettrici ad opera di tre società, ciascuna con una flotta di 750 veicoli per un totale di 2.250. Un servizio che era partito con il botto la scorsa primavera, registrando in pochi giorni un exploit e una monopattino-mania sulle strade di Milano. Nell’assenza, però, di alcuna autorizzazione. Tanto che il pool ambiente e lavoro della Procura, coordinato dal procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, aveva aperto un fascicolo «esplorativo» per capire come mai di fronte a una pratica abusiva così visibilmente diffusa né Comune né polizia locale muovessero un dito. Sotto la lente dei magistrati - che avevano acquisito documenti a Palazzo Marino e nelle sedi delle società di noleggio - divieti, autorizzazioni e assicurazioni. Ad agosto era arrivato lo stop al monopattino-selvaggio, e il lavoro dei tecnici ha portato a costruire una cornice normativa concretizzata in una delibera di Giunta. Da ieri, quindi, i monopattini possono circolare, rispettando le regole.