Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Mio nonno: parole semplici cuore grande

andrea
Cronaca

Andrea

Maietti

Ho ritrovato il testamento olografo di nonno Battista. Poche parole nell’italiano

storpio che gli aveva consentito la precaria frequenza della seconda Elementare:

“Viracomando tanto di non venga un disacordo pensate ai vostri cari non anno preso

nulla da nesuno ricordate abiamo fatto tutto per il vostro bene chiudo il mio pensiero

col cuore pieno di lagrime ciau tutti”. Tutto qui, ma quanto! Raca a voi tutti, figli e nipoti, se leggendo riderete di questo formidabile lascito morale di un

contadino che ha sentito il rintocco della sua sera. Un contadino che aveva quattro

campi quattro, e crollava via la fatica fumando la pipa sulla soglia di casa; ascoltando

le nuove del nipotino che a scuola era arrivato al liceo. “Ti te ve a scola - diceva- te

farè un mesté net”. Un mesté net, un lavoro pulito. Di pulito c’erano i tuoi occhi,

nonno. E il fascino dei tuoi racconti. Come quello del compaesano, campione delle

poveriadi di Costaverde. Eccelleva nel salto con l’asta. Tre metri segnati da una

bindella di lino sostenuta da due forcelle da bucato. Prima del salto si carburava con

un intero cul di polenta. Chiudeva con una caraffa di asprigno clinton. Poi ruttava di

soddisfazione, prima dalla bocca nobile e poi dall’altra, le mani appoggiate al tavolo

dell’osteria e una gamba alzata a far da mantice. Imbracciata la pertica delle noci,

prendeva poi la rincorsa e balzava oltre i tre metri della bindella, tonfando nel fosso

sottostante in allegria.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?