Quotidiano Nazionale logo
5 mag 2022

Milano, tre arresti per bancarotta. C'è anche l'ex presidente della Biancamano

La società presentava nel 2021 un indebitamento complessivo pari ad oltre 400 milioni di euro - di cui circa 200 nei confronti dell’Erario

pintus monza gdf fatture false
L'operazione è stata eseguita dalle Fiamme Gialle di Milano

Milano - I finanzieri del Comando provinciale di Milano, coordinati dalla procura, hanno eseguito un provvedimento cautelare nei confronti di cinque persone (una custodia cautelare in carcere, due arresti domiciliari e due misure interdittive del divieto temporaneo di esercitare qualsiasi impresa e di assumere uffici direttivi delle persone giuridiche), nonché - attraverso rogatorie - il sequestro preventivo di oltre 4 milioni di euro, in relazione alla commissione di reati fallimentari e di insider trading. 

La misura del carcere riguarda Giovanni Battista Pizzimbone, ex presidente e amministratore delegato di Biancamano (società quotata in Borsa ma non negoziata da circa un anno) il quale si era dimesso due anni fa per ragioni personali. Estranea la società cui non è contesta la 231 sulla responsabilità amministrativa degli enti. Le indagini, svolte dal Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di finanza di Milano, “hanno consentito di ricostruire un complesso e capillare sistema distrattivo”, che sarebbe stato realizzato dall’imprenditore ligure, residente in Svizzera, allora a capo del gruppo operante nel settore dei servizi di pubblica utilità di raccolta e gestione dei rifiuti

Gli indagati, “consapevoli dello stato di forte tensione finanziaria e di conclamato dissesto economico in cui versavano tutte le società del gruppo, che presentava nel 2021 un indebitamento complessivo pari ad oltre 400 milioni di euro - di cui circa 200 nei confronti dell’Erario - avrebbero effettuato, nel tempo, reiterate operazioni distrattive”, spiegano gli investigatori. Nello specifico, è emerso il ‘drenaggio’ di ingenti somme di denaro dalle casse del gruppo societario - ammesso nel marzo del 2021 alla procedura di amministrazione straordinaria - in relazione al pagamento di supposti crediti.

Il tutto attraverso l’ideazione di complesse operazioni di cessione degli stessi “su conti svizzeri riconducibili al ‘dominus’ del gruppo”, o alla simulata cessione di un immobile da parte di una società ligure, riconducibile sempre a quest’ultimo, nell’ambito della quale è stato rilevato il pagamento di una caparra, pari alla quasi totalità del prezzo di vendita, senza che sia mai stato stipulato il contratto definitivo

Non solo: all’approssimarsi della richiesta di accesso all’amministrazione straordinaria, l’ex presidente “sfruttando informazioni privilegiate in suo possesso (rappresentate dalla conoscenza dell’avvenuta presentazione di istanze di fallimento nei confronti di due società del gruppo), avrebbe quindi effettuato - per il tramite di una ‘fiduciaria’ italiana - operazioni di vendita delle azioni detenute nella società capogruppo ‘quotata’, prima della sospensione di quest’ultima dalle negoziazioni, evitando, in tal modo, una perdita pari a circa 200.000 euro”.

Giovanni Battista Pizzimbone, l’imprenditore ligure 56enne finito in carcere per bancarotta e market abuse, ex presidente e fondatore di Biancamano spa, ora in amministrazione straordinaria, ha mostrato «spregiudicatezza» e «assoluta mancanza di scrupoli» nella «gestione dell’attività d’impresa» e una «irrefrenabile avidità» con cui si è arricchito di «profitti illeciti in tutte le forme possibili», circondandosi anche di «veri e propri ‘yes-men’ gestiti come marionette», sempre «pronti ad accettare scomode cariche sociali o ad apporre prontamente firme su documenti già predisposti», scrive il gip di Milano Raffaella Mascarino nell’ordinanza eseguita dal Nucleo di polizia economico finanziaria della GdF milanese. 

L’indagine ha portato anche ai domiciliari Massimo Delbecchi e Alessandra De Andreis, il primo ex ad, tra il 2006 e il 2018, di Biancamano e pure ex presidente di Aimeri Ambiente, e la seconda ex ad tra il 2016 e il 2020 di Energeticambiente. Nell’ordinanza il giudice evidenzia che «i trasferimenti di denaro a favore di Pizzimbone sono continuati anche nel periodo successivo» al momento in cui la Procura milanese aveva già inoltrato «la dichiarazione di fallimento delle società del gruppo», che ha portato le tre società in amministrazione straordinaria. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?