Grandi pulizie nei parcheggi pubblici. Rimosse decine di mezzi abbandonati tra Fizzonasco e il quartiere ex Incis. Polizia locale e carri attrezzi in questi giorni sono in azione in vari punti di Pieve, dove i cittadini hanno segnalato la presenza di auto, furgoni, camion e scooter abbandonati da tempo, spesso sprovvisti di...

Grandi pulizie nei parcheggi pubblici. Rimosse decine di mezzi abbandonati tra Fizzonasco e il quartiere ex Incis. Polizia locale e carri attrezzi in questi giorni sono in azione in vari punti di Pieve, dove i cittadini hanno segnalato la presenza di auto, furgoni, camion e scooter abbandonati da tempo, spesso sprovvisti di assicurazione. Le procedure per rimuovere i mezzi si scontrano con la burocrazia che rallenta molto le operazioni alla stessa amministrazione comunale e alla polizia locale. Dalla segnalazione passano almeno tre mesi prima che il mezzo abbbandonato possa essere rimosso, se si trova su una strada pubblica. "Vorremmo intervenire immediatamente appena arrivano le segnalazioni in Comune, ma questo purtroppo non è possibile – spiega il sindaco Paolo Festa –. Prima di poter arrivare alla rimozione forzata, dobbiamo effettuare tutti gli accertamenti del caso. Inoltre, un altro problema non secondario riguarda i costi, che comunque deve prendersi in carico l’amministrazione comunale".

Un problema, quello delle auto abbandonate, che interessa purtroppo tutti i centri urbani. Mezzi lasciati in sosta per anni che vengono vandalizzati, sono ricoperti di sporcizia e hanno spesso gli pneumatici a terra. In alcuni casi di tratta di auto rubate e poi abbandonate, in altri casi i proprietari sono irreperibili per svariati motivi. Ieri sono state rimosse, tra le altre, un’utilitaria con targa spagnola in via Paganini, al quartiere ex Incis, mentre a Fizzonasco, in via Sardegna, è stato rimosso un autocarro con trivella. Sempre a Fizzonasco sono state portate via anche due auto abbandonate senza pneumatici.

Massimiliano Saggese