Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
27 feb 2022

San Vittore Olona, mano tesa all’Ucraina: "Pronti all’accoglienza"

San Vittore, il locale comitato Chernobyl da sempre in prima linea: "Sentiamo i nostri ragazzi tutti i giorni, ma nessuno vuole lasciare la famiglia"

27 feb 2022
giovanni chiodini
Cronaca
Una delle ultime comitive di ragazzi di Chernobyl accolti nell’Altomilanese
Una delle ultime comitive di ragazzi di Chernobyl accolti nell’Altomilanese
Una delle ultime comitive di ragazzi di Chernobyl accolti nell’Altomilanese
Una delle ultime comitive di ragazzi di Chernobyl accolti nell’Altomilanese

di Giovanni Chiodini "Siamo pronti ad accoglierli ma sarà difficile, anche perché nessuno di loro vuole separarsi dai genitori, nessuno se la sente di lasciare il paese sapendo che laggiù rimarrebbero la mamma, il papa, la nonna, i fratelli e gli amici...". Maria Rita Maggioni, referente del Comitato Accoglienza bambini di Cernobyl, vive con ansia questi momenti. "Tutti i giorni ci sentiamo con i bambini e le bambine che sono stati qui a casa mia negli anni scorsi. Li sentiamo piangere. Hanno paura, sono terrorizzate com’è comprensibile. Uno mi ha anche detto che non sa se domani sarà ancora vivo. Questa frasi mi ha paralizzata". "Nessuno in Ucraina si aspettava una cosa del genere, soprattutto l’attacco portato da tutti i fronti e a diverse città contemporaneamente". È da quando è stato sferrato l’attacco che i contatti si sono fatti più frequenti. "A volte sentiamo anche il rumore dello scoppio delle bombe. Ci raccontano di come si stanno organizzando. Alcune famiglie stanno allestendo dei rifugi nelle cantine delle loro abitazioni. Altri sono ormai da giorni che vivono nella metropolitana di Kiev. Mi hanno detto che l’altra notte, proprio lì, è nata una bambina". Un segno concreto di speranza. "Una ragazza mi ha detto che ha cercato con la famiglia di espatriare. Giunti a 90 chilometri dalla frontiera dell’Ucraina con la Polonia hanno desistito: le auto erano ferme, c’era una fila da lì alla frontiera. E poi c’era il rischio di venire separati dai genitori e dai fratelli. I soldati - racconta ancora Maggioni - fermavano le auto e obbligavano tutti a scendere. Gli uomini dai 18 ai 60 anni venivano segregati, perché in età da poter combattere". "Uno dei nostri ragazzi che frequenta la scuola in una sorta di convitto è stato costretto ad abbandonarlo. Gli hanno detto di tornare a casa, ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?