Occupazione abusiva (Foto Facebook)
Occupazione abusiva (Foto Facebook)

Milano, 4 gennaio 2019 -  Ieri sera "alcuni delinquenti hanno occupato abusivamente alcuni locali in via Manzano 4 a Milano, messi sotto sequestro a dicembre dall'autorita' giudiziaria e dai Carabinieri. Un gesto di inaudita gravita', una provocazione e una sfida alle istituzioni". La denuncia arriva dall'assessore regionale alle Politiche sociali e abitative, Stefano Bolognini. "Regione Lombardia - prosegue - condanna fermamente questo fatto gravissimo, confermando il proprio impegno per la riqualificazione del quartiere Lorenteggio Giambellino. Riqualificazione che sara' realizzata anche grazie ad azioni di legalita' e, ove necessario, di sgombero degli immobili occupati abusivamente". Inoltre, Bolognini assicura "pieno appoggio alla Autorita' giudiziaria, alla Prefettura e alle Forze dell'ordine duramente impegnate per il mantenimento della legalita' nel quartiere". E chi giustifica le "occupazioni illegali - connivente con chi delinque, chi occupa un immobile abusivamente, priva di un diritto chi e' in graduatoria e in stato di necessita'", conclude l'assessore.

"La rigenerazione urbana del quartiere - ricorda Bolognini - risulta il più importante intervento messo in atto non solo per il rapporto tra numero di famiglie e abitazioni coinvolte (circa 2700), ma anche per l'importanza delle risorse individuate, complessivamente 100 milioni di euro. Il piano di riqualificazione è parte integrante dell'Accordo di programma nato e costruito negli anni grazie alla stretta collaborazione tra Regione Lombardia, Comune e Aler Milano. Il progetto per il civico 181, che comprende tre edifici, prevede la demolizione e la successiva ricostruzione". "E' prevista la riqualificazione di diversi edifici - spiega l'assessore - per la realizzazione di 329 nuovi alloggi, oltre alla sistemazione di altri 236 sparsi in zona. L'intervento comprende anche la messa in sicurezza di tutti gli stabili in cui è presente amianto. Sarà costruita anche una nuova biblioteca, riqualificato il mercato comunale, migliorata l'illuminazione pubblica con pali intelligenti e di alcune strade del quartiere, realizzato un nuovo parco in prossimità della chiesa e la riqualificata la scuola di via dei Narcisi. Sono previste infine alcuni azioni di accompagnamento sociale in grado di rivitalizzare gli spazi, compreso un Hub di comunità che verrà realizzato in una palazzina Aler al civico di Giambellino 150". "Le 36 persone attualmente presenti nel fabbricato - aggiunge - hanno occupato gli alloggi abusivamente dopo la conclusione del Piano di mobilità delle famiglie, propedeutico all'avvio dei lavori di riqualificazione del quartiere. Risulta inoltre che Aler Milano abbia provveduto, all'interno di una situazione complessa derivante dal continuo e straordinario accumulo di rifiuti, alla loro raccolta anche relativamente al fabbricato occupato". 



L'OCCUPAZIONE -  Giovedì sera, il Comitato abitanti Giambellino-Lorenteggio ha occupato un appartamento al civico 4 di via Manzano, a Milano. L'immobile, sede del Comitato, era stato sgomberato e sequestrato preventivamente dai carabinieri il 13 dicembre scorso, dopo un'inchiesta della procura meneghina sulla gestione illegale degli alloggi popolari con al centro il movimento per la casa di area anarco-insurrezionalista. "Per la quarta volta in cinque anni abbiamo ridato al quartiere la sede del comitato, del doposcuola, dell'ambulatorio popolare e della mensa sociale - si legge sulla pagina Facebook del Comitato -. Ai magistrati e ai carabinieri che ci inquisiscono diciamo: siete solo un fastidio. Ci fate perdere tempo ma non potete fermarci". Gli attivisti assicurano: "Da domani ricominceremo con le attività del comitato alla base". L'inchiesta aveva portato all'arresto di 9 persone, e altre 75 erano state indagate.