Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 lug 2022

Lo choc del paese in cui vive il compagno Mario "A tutti diceva che i bambini le piacevano tanto"

Choc nella Bergamasca: lì era nata Diana nel 2021. E lì era la madre Alessia. mentre lei moriva da sola

23 lug 2022

LEFFE (Bergamo)

A Leffe vive il nuovo compagno di Alessia Pifferi, 36 anni, in carcere con l’accusa di omicidio aggravato per aver lasciato per più di sei giorni a casa la figlia di 18 mesi. Ecco perché Alessia aveva deciso di salire qui in Valgandino da Milano. Qui, in via Piave, è stata ospite dell’elettricista Mario D’Ambrosio, che pare abbia lasciato il paese. L’uomo (che non è il padre della piccola Diana) era all’oscuro di tutto ed è completamente estraneo alla vicenda. A lui, la donna avrebbe raccontato che la bimba era al mare con la sorella. Leffe, piazza Libertà, la terribile notizia fa il giro del paese. I ricordi riaffiorano. Il viso di quella bimba nel passeggino: era nata in casa, a Leffe, il 29 gennaio dello scorso anno, un parto prematuro. Il volto di Alessia Pifferi, che in molti è presente. Lei si era fatta passare per medico o per psicologa infantile, e che i bambini le piacevano: altre bugie. Addirittura, lo scorso anno, sempre quando era a Leffe, raccontava che sua madre, che vive in Calabria, era deceduta a causa del Covid. Ennesima menzogna. Come quella volta che ha detto ad alcune persone di Leffe che doveva andare in gita con il suo compagno e che la piccola Diana l’avrebbe dovuta tenere la mamma.

Il fratello di Mario D’Ambrosio, dal canto suo, ha tagliato corto: "Non so cosa dire, non sappiamo nulla, abbiamo sentito anche noi quello che è accaduto". Ieri mattina fuori da via Piave è spuntata qualche telecamera, alla ricerca di Mario, coinvolto involontariamente in questa triste storia. Che è emersa in tutta la sua tragicità quando la polizia è entrata nell’appartamento di via Parea a Ponte Lambro, trovando accanto al cadavere della piccola un biberon con tracce di latte e poco lontano un flaconcino di ansiolitico, quasi vuoto. E durante l’interrogatorio del pm Francesco De Tommasi è emerso altro che fa rabbrividire, come se non bastasse: altre volte aveva abbandonato la figlioletta per andare a divertirsi, almeno tre nelle ultime settimane.

F.D.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?