Metropolitana linea verde
Metropolitana linea verde

Milano, 11 febbraio 2019 - Da martedì 19 febbraio il tratto stradale di via Pacini compreso tra via Bottesini e via Teodosio in direzione piazza Piola sarà interessato dal cantiere per i lavori di risanamento della galleria della linea metropolitana 2 tra le stazioni di Piola e Lambrate. Questo è il via ufficiale, e visibile, ai lavori per il completo rinnovamento della linea Verde con un investimento complessivo di oltre 440 milioni di euro a cura dell’amministrazione e di Atm, annunciato ieri dall’assessore alla Mobilità Marco Granelli. La linea metropolitana più lunga di Milano, seconda per anziantità dopo la M1, 40 chilometri e 35 stazioni che trasporta 120 milioni di passeggeri all’anno, sarà oggetto di lavori di impermeabilizzazione delle gallerie, rinnovo del sistema di segnalamento, rinnovo dei treni, sostituzione dei tornelli con il modello anti evasori, rinnovo della rete elettrica, abbattimento del rumore e miglioramento dell’accessibilità.

Sarà inevitabile qualche disagio per la città, a partire dal cantiere stradale di via Pacini necessario per permettere l’impermeabilizzazione della galleria soggetta ad allagamenti per l’innalzamento della falda acquifera. I lavori di impermeabilizzazione avranno la durata di due anni con diverse fasi di cantiere anche in superficie, da febbraio a luglio sarà ridotta la carreggiata tra via Desiderio e via Teodosio; da settembre a dicembre ridotta la carreggiata tra via Desiderio e via Bottesini; da gennaio a dicembre 2020 ridotta la carreggiata tra via Teodosio e piazza Piola. Per quanto riguarda invece la fase che interessa direttamente la linea metropolitana, l’impermeabilizzazione progettata da Mm riguarda i mesi di agosto 2019 e 2020 e sarà necessario interrompere il transito della linea M2 dalla stazione di Loreto alla stazione di Udine per i lavori in galleria. In questo periodo Atm attiverà un servizio bus sostitutivo da Loreto a Udine con fermate a Piola e Lambrate. Oltre al percorso sostitutivo verranno potenziate le linee di superficie 56/55/81/39. La copertura della galleria sarà consolidata con iniezioni di cemento e di silicati che ne aumenteranno la stabilità. Il progetto approvato ha fra gli obiettivi anche il contenimento dei tempi e per questo i lavori saranno suddivisi in due fasi separate. Al termine della prima fase di cantiere la circolazione sulla linea metropolitana e su strada riprenderà regolarmente.

La seconda fase riguarda il rinnovo dell’armamento nella tratta Gobba-Gorgonzola con la messa in sicurezza dei binari in superficie. La partenza dei lavori è prevista per la seconda metà del 2020. Il più importante e anche il più lungo degli interventi sulla M2 riguarderà il nuovo sistema di segnalamento che consentirà di aumentare la frequenza dei convogli, da uno ogni 120-150 secondi si passerà a uno ogni 90 secondi.