Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
30 apr 2022

L’appello a Regione, Governo e Rfi: quarto binario, rivalutate l’opera

Il ministero chiede altra documentazione . Il sindaco Guido Sangiovanni. torna alla carica

30 apr 2022

"Chiedo a Regione Lombardia e al Governo di organizzare un tavolo di lavoro con Rfi per rivalutare con attenzione l’opera che, come ribadito nel corso degli anni, ha impatti devastanti per la comunità di Vanzago". L’opera di cui si parla è il progetto quadruplicamento della ferrovia Rho-Parabiago e la realizzazione del Raccordo a Y tra Castellanza e Busto Arsizio. La richiesta è del sindaco Guido Sangiovanni. Dopo mesi di silenzio si torna a parlare del contestato quarto binario, nove chilometri, 354 espropri, 107 edifici demoliti e 35 famiglie costrette a cambiare casa, 31 aree di cantiere in mezzo ai centri abitati, 473mila metri quadrati di aree verdi cementificate. Come mai? "Abbiamo ricevuto una comunicazione del ministero della Transizione Ecologica nella quale si dice che la Commissione Tecnica di Verifica dell’impatto ambientale ha richiesto documentazione integrativa per proseguire l’istruttoria di valutazione e che Rfi ha chiesto al ministero un termine aggiuntivo di 60 giorni, rispetto ai 30 giorni previsti, per inviare le necessarie integrazioni, impegnandosi a fornirle entro il 29 maggio 2022 - spiega il primo cittadino - in attesa di conoscere nel dettaglio il contenuto delle richieste effettuate da parte della commissione di valutazione al proponente, dal mese di giugno 2022 potrebbe ripartire l’iter per la valutazione di impatto ambientale, necessario per l’approvazione del progetto. Chiedo quindi alla Regione e al Governo di poter rivalutare il quarto binario". Si tratta dell’ennesimo appello da parte del Comune che è sempre stato contrario all’opera che ha avuto anche un iter poco chiaro: nel 2005 infatti è stato dichiarato infattibile dagli stessi progettisti di Rfi e dal ministero dell’Ambiente, nel 2012 annullato dal Tar, nel 2014 respinto dal Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici per innumerevoli e sostanziali criticità. Lo scorso luglio 2021 la Camera dei Deputati aveva chiesto che su quest’opera, il Commissario straordinario, "faccia chiarezza sulla tratta che si intende realizzare e sul relativo costo", ascoltando e discutendo con il territorio, "per affrontare le criticità emerse".

Roberta Rampini

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?