Quotidiano Nazionale logo
23 apr 2022

Ladro incastrato dal cittadino detective

A incastrare il ladro dei parcheggi è stata una delle sue vittime, che ha indossato i panni del detective e l’ha seguito per coglierlo in flagrante ed evitare che mettesse a segno l’ennesimo colpo. Così è finito in manette un ventottenne cileno, accusato sia del furto sventato sul nascere sia di altri raid avvenuti nei giorni precedenti (per i quali è stato denunciato a piede libero). Partiamo dalla fine, dalle 15.30 di giovedì. Un quarantenne arabo nota un uomo che indossa un giubbotto identico a quello che gli è stato rubato qualche giorno prima e decide di seguirlo all’interno di un posteggio interrato di piazza Meda. I suoi sospetti si rivelano subito fondati: il ladro si aggira tra le auto in sosta al piano -3, e a un certo punto forza la Toyota di una coppia di turisti francesi. A quel punto, l’uomo allerta il custode dell’autosilo, che a sua volta allerta gli agenti del commissariato Centro, impegnati in quelle ore in un’attività di contrasto ai furti nei parcheggi privati. Il ventottenne ha con sé una valigia di cui non sa giustificare la provenienza, anche perché è piena di abiti femminili.

La ricostruzione dell’accaduto, corroborate dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza, porta all’arresto per tentato furto aggravato del cileno, in Italia senza fissa dimora. I filmati lo inchiodano anche per altri tre raid identici, due dei quali compiuti con un complice non ancora identificato: quello del 6 aprile, in un altro garage di corso Matteotti, ai danni di un ottantenne italiano, derubato di uno zaino con passaporto e documenti contabili; quello del 9 aprile, subìto da una turista tedesca di 24 anni (valigia e zaino spariti da una Golf); e quello del 20 aprile, nel parcheggio di piazza Meda, ai danni del quarantenne arabo (giubbotto e altri indumenti portati via dalla sua auto con targa belga). Non è il primo ladro che i poliziotti di piazza San Sepolcro incastrano nell’ultimo periodo: il 13 aprile, altri due cileni sono stati denunciati a piede libero per il furto di una valigia, di cui hanno tentato di disfarsi abbandonandola sotto un’auto posteggiata in via San Paolo.

N.P.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?