Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 mag 2022

La figlia di Pinelli: "Quei due libri in dono tra mio padre e Calabresi"

Silvia racconta i rapporti tra il ferroviere e il commissario. E di come la fede oggi la aiuti a sopravvivere

20 mag 2022
di enrico fovanna
Cronaca

di Enrico Fovanna A cinquant’anni dall’omicidio del commissario Mario Calabresi, e a 53 dalla morte del genitore, il ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli, precipitato dal quarto piano della questura di Milano in circostanze mai chiarite, la figlia Silvia si racconta, rivela il rapporto inedito di suo padre con il poliziotto che lo indagava e ripercorre quegli anni dolorosi, che causarono il lutto di due famiglie così diverse, ma di pari, enorme dignità. Cominciamo dalla fine, Silvia. Cosa ricorda lei e cosa provaste in famiglia quando si seppe dell’omicidio di Calabresi? "Io avevo dodici anni e mia sorella undici. Mia madre quel giorno stava andando al lavoro, e solo quando vi arrivò sentì confermare la notizia, di cui qualcuno aveva accennato alla fermata del bus. Era in pieno svolgimento il processo che il commissario aveva intentato contro Lotta Continua per diffamazione. Nei giorni successivi mia madre si sentì derubata della possibilità di arrivare alla verità. Provò dolore per la famiglia di Calabresi, certo, la poteva capire bene. Ma per noi fu un tornare indietro". In che senso? "Da quel giorno ricominciarono lettere e telefonate anonime, ed era indifferente che rispondesse un bambino o un adulto. Con precise minacce: ve la faremo pagare. Tanto è vero che mia madre andava al lavoro sempre molto preoccupata perché temeva fossimo seguite". Veniamo al 1969, la morte di suo padre. Ricorda come ha vissuto quel trauma a 9 anni? "Ho due ricordi indelebili. Il 12 dicembre, a casa, trovammo la polizia che perquisiva l’appartamento. Era molto angusto e assistemmo anche all’apertura dei regali di Natale che i nostri genitori avevano già nascosto negli armadi. E poi la notte tra il 15 e il 16 dicembre, quando apprendemmo la notizia dai cronisti che si presentarono alla porta di casa. Mamma telefonò in questura e chiese perché non fosse stata avvisata. Le risposero che ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?