Quotidiano Nazionale logo
17 mar 2022

Ippodromo San Siro, si torna a galoppare

Fabio Schiavolin, ad di Snaitech: "Obiettivo mezzo milione di visitatori per lo Stadio del Cavallo. Porte spalancate alle famiglie"

simona ballatore
Cronaca
L’ippodromo Snai San Siro
L’ippodromo Snai San Siro

Milano - Obiettivo a brevissimo termine: dopo due anni di stop, tornare a registrare nel complesso dell’Ippodromo Snai San Siro quei 270mila visitatori con i quali si era chiuso il 2019. "La possibilità di tornare a quei livelli è concreta quest’anno, ma crediamo anche che la nuova struttura, una volta a regime, possa ambire alla cifra tonda: mezzo milione di visitatori".

Così Fabio Schiavolin, ad di Snaitech, si prepara a inaugurare la nuova stagione del Galoppo, che si apre sabato con il Premio Sirmione e col Premio 135esima Stagione San Siro Galoppo. E che spalanca le porte alle famiglie: "In questi anni siamo riusciti a far conoscere l’ippodromo come luogo alternativo per il tempo libero, abbiamo portato eventi, musica, vorremmo diventasse un appuntamento fisso concentrandoci anche sui più piccoli e su un pubblico ampio". E quindi ogni weekend battesimo della sella e animazione (si parte dal tema cartoni animati domani), che si incastoneranno con eventi speciali. Nel weekend del 26 e 27 marzo torna l’appuntamento con le Giornate Fai di Primavera e si apriranno ai visitatori la Palazzina del Peso e angoli solitamente chiusi. Parallelamente si continua a lavorare: "La Tribuna del Trotto, oggi in restauro (non veniva utilizzata da 20 anni, ndr), sarà pronta per questa estate, stiamo già lavorando agli allestimenti, e crescerà l’offerta con attività di ristorazione – prosegue Schiavolin –. Continuano anche gli investimenti per rendere l’ippodromo aperto tutto l’anno, con una pista all-weather e una nuova illuminazione che permetterà anche gare in notturna. Anche l’equitazione sarà centrale: riconfermiamo la Milano Jumping Cup nella seconda metà di giugno. E avvicineremo agli sport equestri sia il pubblico più ampio che l’utenza professionale. Gli atleti internazionali guarderanno a Milano e a quello che sarà lo Stadio del cavallo (obiettivo 2023, ndr) in tutte le sue declinazioni".

Sport al centro anche con 63 convegni di corse di altissimo livello. Si punta sui contenuti e su un quartiere in piena trasformazione. Confermato il palinsesto musicale, volano positivo per attrarre un’utenza giovane. Parallelamente si riprende il rapporto con le scuole. "Con quasi un milione di accessi tra il 2015 e il 2019, l’ippodromo è ormai a tutti gli effetti uno dei poli di attrazione della città: lavoriamo per consolidare questa realtà, e fare ancora meglio", conclude Schiavolin.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?