Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
23 giu 2022

'See me in', al via una piattaforma online per gli imprenditori multiculturali

Il progetto, coordinato dalla Fondazione Politecnico di Milano, ha coinvolto 10 partner provenienti da cinque diversi paesi europei, tra i quali, per l’Italia, il Comune di Milano e il Consorzio Nazionale CGM

23 giu 2022
featured image
See me in, al via una piattaforma online per gli imprenditori multiculturali
featured image
See me in, al via una piattaforma online per gli imprenditori multiculturali

Milano, 23 giugno 2022 - C’è chi ha creato una linea di moda, chi ha aperto un ristorante e chi ha usato il design come mezzo espressivo. Tutti con un obiettivo: avviare un’impresa multiculturale lontano dal paese d’origine e tendere una mano al Paese che li ha accolti cercando di unire le due culture.  

Da oggi questi imprenditori avranno uno strumento in più. Una piattaforma dove trovare tutte le informazioni per far crescere il loro business, dalla conoscenza della legislazione del territorio dove vivono alle nozioni finanziarie, dalle competenze di marketing a quelle relative alle risorse umane. L’HUB, a servizio degli imprenditori, è nato nell’ambito del progetto 'See me in' che si è posto l’obiettivo di rafforzare le attività imprenditoriali avviate in contesti urbani da persone nate fuori dalla Comunità Europea e regolarmente residenti in uno dei suoi Paesi.

Tali imprese, a causa di difficoltà linguistiche, culturali e amministrative, spesso non sono in grado di esprimere a pieno il proprio potenziale e risultano poco competitive sul mercato.   Attraverso la creazione di una rete di supporto tecnologico e la sperimentazione di nuove relazioni e servizi, il progetto ha fornito alle imprese con un background interculturale strumenti per attivare un processo di innovazione analogo a quello intrapreso dalle piccole e medie imprese europee. 

Il progetto, coordinato dalla Fondazione Politecnico di Milano, ha coinvolto 10 partner provenienti da cinque diversi paesi europei (Italia, Croazia, Slovenia, Ungheria e Germania), tra i quali, per l’Italia, il Comune di Milano e il Consorzio Nazionale CGM.   Accanto alla piattaforma online, a un gruppo di imprenditori multiculturali è stata erogata formazione in presenza, sono stati organizzati webinar fra le imprese, scambi di conoscenza con aziende già consolidate ed eventi aperti al pubblico. Tutto ciò al fine di ampliare la rete delle imprese e promuovere la coesione sociale delle città coinvolte nel progetto. Come testimonianza del lavoro svolto sono stato prodotti un libro di ricette che mettesse in luce come, attraverso il cibo, si può raccontare di sé e del proprio lavoro e un video che dà voce a sei donne impegnate a creare delle collezioni di moda che esprimono la loro passione e la loro esperienza imprenditoriale. 

“Questo progetto è un vero esempio di collaborazione e cooperazione internazionale, tema che Milano e questa Amministrazione comunale hanno pienamente nelle proprie corde. E che nel Patto per il Lavoro è richiamato esplicitamente quando, nell'obiettivo 'Milano città delle opportunità', si fa riferimento anche alla capacità di mettere in atto politiche per accogliere e aiutare chi arriva dall'estero per fare impresa nella nostra città. È un progetto che unisce aspetti diversi, tutti virtuosi. L’innovazione tecnologica come semplificazione. La formazione come scambio di esperienze non solo professionali ma anche culturali. Lo sviluppo delle piccole imprese straniere come chiave per realizzare una concreta inclusione sociale” commenta Alessia Cappello, assessora allo Sviluppo Economico e Politiche del Lavoro del Comune di Milano. 

 "Siamo molto orgogliosi di avere messo a disposizione, grazie al progetto 'See me in', una piattaforma open e una rete di supporto, che da oggi in poi saprà fornire un aiuto prezioso a chi ha già creato un’impresa multiculturali o a chi vuole cimentarsi in questo settore. Noi, come Fondazione Politecnico di Milano, crediamo che l’innovazione sia innanzitutto dialogo, un dialogo tra competenze, territorio e individui e siamo orgogliosi di avere una responsabilità importante nel sostenere progetti dall’impatto positivo capaci di creare connessioni virtuose, creative e multiculturali per il rilancio di nuova imprenditorialità" afferma Manuela Pizzagalli, Chief Operating Officer Fondazione Politecnico di Milano. 

"Fare impresa è un’avventura, un viaggio in un mare a volte calmo e a volte tempestoso, farlo da soli è sempre più difficile, per questo abbiamo pensato di accompagnare le imprese di migranti ampliando il modello delle imprese sociali ed in particolare delle cooperative sociali. Un modello collaborativo che, nel tempo, grazie alla rete, agli incontri e allo scambio è cresciuto. Le imprese sociali sono cresciute come imprenditori cercando nuovi settori, nuove idee e nuove collaborazioni. L’esperienza ci ha insegnato che la collaborazione, lo scambio per le imprese più fragili è l’unico sentiero per creare nuove opportunità e quindi abbiamo anche noi intrapreso un nuovo viaggio” aggiunge Sabrina BellioneResponsabile Area Progettazione Europea CGM.

Il progetto 'See me in', finanziato per 1,7 milioni di euro dal programma Interreg Central Europe 2014-2020 con fondi FESR, è coordinato dalla Fondazione Politecnico di Milano e comprende il Comune di Milano, il Gruppo Cooperativo CGM, School of Advanced Social Studies in Nova Gorica, ACT Group, West Pannon Regional and Economic Development Public Nonprofit Ltd, Budapest Chamber of Commerce and Industry, Aiforia GmbH, Regional Development Agency of Northern Primoska Ltd. Nova Gorica, Iskriva-Institute for Development of Local Potential. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?