Quotidiano Nazionale logo
24 feb 2022

Il Giosuè di Benigni mette pace a scuola

Commovente incontro con l’attore Giorgio Canterini che interpretò il bambino del film “La vita è bella“

barbara calderola
Cronaca
L’incontro virtuale della scolaresca dell’Alda Faipò con Giorgio Canterini Il giorno della proiezione del film alcuni genitori avevano ritirato i figli da scuola
L’incontro virtuale della scolaresca dell’Alda Faipò con Giorgio Canterini Il giorno della proiezione del film alcuni genitori avevano ritirato i figli da scuola
L’incontro virtuale della scolaresca dell’Alda Faipò con Giorgio Canterini Il giorno della proiezione del film alcuni genitori avevano ritirato i figli da scuola

di Barbara Calderola Dopo la polemica sul film e l’interruzione della proiezione da parte di un gruppo di genitori corsi a ritirare i figli preoccupati dalle implicazioni emotive, l’incontro on-line con Giorgio Cantarini, il bambino di “La vta è bella“, ormai uomo fatto, mette fine alle polemiche all’Alda Faipò di Gessate. L’elementare era stata al centro delle frizioni fra la scuola e un gruppetto di famiglie in occasione del Giorno della Memoria. "Abbiamo chiuso nel migliore dei modi una brutta pagina. Il paese è accanto alla scuola e ai ragazzi, don Matteo ci ha messo a disposizione il teatro dell’oratorio, il sindaco Lucia Mantegazza era presente: meglio di così non poteva andare". La preside Regina Ciccarelli ha organizzato la mattinata per rimediare "al fatto che per colpa di qualcuno ai ragazzi era stato impedito di celebrare la ricorrenza. E ci siamo riusciti nel migliore dei modi, con le parole dell’attore che all’epoca in cui interpretò Giosuè nel capolavoro di Roberto Benigni aveva 5 anni. È stata una testimonianza importante. Gli siamo grati". Non è stato il solo momento della giornata “riparatrice”. Gli alunni hanno anche interpretato la scena del film in cui il soldato detta le regole del campo, "il cuore della pellicola con papà Benigni che trasforma la violenza in gioco: fotogrammi indimenticabili consigliati dal Ministero che noi mandiamo in onda ogni anno. Non era mai successo che qualcuno si opponesse. Le maestre in qualche caso sono state insultate pesantemente e persino costrette a barricarsi nella scuola". "Non siamo scalmanati, o irrispettosi verso il Giorno della Memoria. Siamo solo persone attente. E convinte che, quando si affrontano contenuti così delicati, docenti e genitori possano e debbano parlarsi". Così aveva spiegato all’indomani dei fatti uno dei papà protagonisti della protesta. Tutto archiviato adesso? Non senza "un ringraziamento agli insegnanti che ogni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?