Quotidiano Nazionale logo
22 feb 2022

"Il funerale per lui sarà un inno alla vita"

Fabrizio Bonacina è morto mentre pilotava l’elicottero. Il cugino: "Siamo straziati. di lui ci mancherà tutto"

Il pilota, originario di Milano, aveva compiuto 49 anni lo scorso 14 febbraio
Il pilota, originario di Milano, aveva compiuto 49 anni lo scorso 14 febbraio
Il pilota, originario di Milano, aveva compiuto 49 anni lo scorso 14 febbraio

di Marianna Vazzana Fabrizio Bonacina aveva appena compiuto 49 anni. Una candelina di compleanno spenta lo scorso 14 febbraio, che purtroppo è stata l’ultima. Pilota d’elicottero milanese, è morto sabato 19 mentre era in volo in Amazzonia. Trasportava materiali da un punto all’altro attraversando il cielo della più grande foresta pluviale del pianeta. Ed era tornato in Brasile (dove aveva iniziato a volare 10 anni prima), dopo aver vissuto in Cile e in Nepal sempre pilotando elicotteri. La dinamica dell’incidente è ancora da chiarire ma secondo quanto emerso finora il mezzo è precipitato mentre era in fase di decollo, non lasciando scampo a “Fabo“, questo era il suo soprannome. Lascia una figlioletta di 12 anni che vive in Portogallo con la mamma (dalla quale l’uomo si era separato), "una bimba che era la luce dei suoi occhi – sottolinea il cugino Marco Achilli – e che sentiva sempre, tutti i giorni. Desiderava tornare a viverle vicino", i genitori, un fratello e una sorella. Più una marea di altri parenti e amici: a decine, da domenica stanno riempiendo la sua pagina Facebook con messaggi di affetto. Fabo non era solo pilota: era un atleta appassionato di sport estremi. "Eccelleva in qualunque disciplina si cimentasse. A Madesimo (in provincia di Sondrio, ndr) è stato tra i primi a praticare lo snowboard negli anni Ottanta". In quel luogo ha lasciato il cuore. "Ci ha vissuto per un periodo e ha anche gestito lo snowpark". Ma anche altri sport erano “il suo pane“: kitesurfing (che consiste nel fare surf trainati da un aquilone), sci, freeride (sciare fuori pista sulla neve fresca), motocross. "Eravamo come fratelli, siamo figli di due sorelle. Di lui mi mancherà tutto: il suo sorriso, la sua voglia di vivere, la sua capacità di riuscire in ogni sport. In casa si ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?