Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 feb 2022

Il “dazio“ di 225 euro al mese e i soldi svaniti, conti sotto la lente

L’ex presidente Cammilleri indagato per concussione: vicino alla Lega, ha collezionato poltrone e incarichi pubblici

17 feb 2022
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini
L’avvocato esperto di diritto tributario Samuele Cammilleri, ex presidente della Fondazione Adolfo Pini

Il telefono della Fondazione Adolfo Pini, con sede al civico 2 di corso Garibaldi, suona a vuoto. Il sito internet da tempo non viene aggiornato, e ogni attività è congelata. Il commissario nominato dal Tribunale di Milano, il commercialista Marco Garegnani, sta analizzando i conti della fondazione. In parallelo prosegue l’inchiesta della Procura di Milano, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e dal pm Paolo Filippini, che vede l’ex presidente Samuele Cammilleri (vicino alla Lega e in passato titolare di incarichi in società pubbliche come Sogemi, Milanosport e Fondazione per la ricerca biomedica) indagato per concussione. Guai giudiziari che hanno portato alle sue dimissioni. Secondo le accuse, Cammilleri ogni mese si faceva retrocedere da una collaboratrice dell’ente una parte del suo compenso, offrendo in cambio la garanzia di mantenere il posto di lavoro prolungando l’incarico. Un “dazio da pagare“ di 225 euro ogni mese. Soldi che uscivano dalle casse della Fondazione ed entravano nelle tasche del suo presidente. Ma le indagini potrebbero allargarsi anche ad altri episodi, sotto la lente degli inquirenti che stanno passando al setaccio il materiale informatico sequestrato e i conti della fondazione costituita dal professor Adolfo Pini, che lasciò in eredità un patrimonio di circa 50 milioni di euro per mantenere la casa museo in corso Garibaldi 2 del pittore Renzo Bongiovanni Radice e portare avanti iniziative culturali. Poi c’è il giallo delle borse di studio sparite. Cinque borse di studio - da mille a tremila euro - destinate "a studenti e ricercatori, under 35, per l’effettuazione di un periodo di formazione o di ricerca da realizzarsi presso centri internazionali specializzati". Perno dell’inchiesta è la figura di Cammilleri, titolare di uno studio legale specializzato nel diritto tributario. Nel suo curriculum spicca come “asso pigliatutto“ di incarichi pubblici e di poltrone in consigli di amministrazione e collegi ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?