Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
19 mag 2022

I nostri dati nel web Quali i rischi

19 mag 2022
ruben
Cronaca

Ruben

Razzante*

Pubblicare in Rete dati personali può comportare ingenti rischi. Esistono però alcuni accorgimenti per tutelarsi e non cadere in trappola. Ormai tutti sappiamo che le attività che svolgiamo in internet lasciano tracce, cioè informazioni che vengono raccolte e trattate in maniera diversa dagli operatori del web. Quali sono i pericoli che corriamo e come possiamo aumentare la sicurezza dei nostri dati on- line? Fondamentale accertarsi dell’uso che il titolare del trattamento farà dei dati personali che forniamo per accedere a servizi on-line. Infatti, i nostri dati servono spesso anche per altri scopi che dovrebbero essere esplicitati nella privacy policy del titolare, ad esempio per arricchire il nostro profilo e personalizzare le pubblicità che ci verranno proposte durante la navigazione on-line. Dobbiamo stare attenti quando ci troviamo di fronte a privacy policy troppo generiche e ambigue, senza dettagli. Per proteggersi da questi rischi è necessario essere consapevoli che ogni titolare del trattamento ha l’obbligo di fornire facile accesso alle informazioni relative all’uso dei dati che gli stiamo fornendo. Bisognerebbe prendersi il giusto tempo per leggere l’informativa sulla privacy e capire come i dati personali vengono utilizzati dal servizio al quale ci stiamo iscrivendo e, in presenza di poca chiarezza o dubbi, valutare se effettivamente si desidera utilizzare tale servizio. Le insidie possono trovarsi anche nei “pop up” o nei link “leggi di più” che possono comparire in fase di iscrizione o di installazione in caso di app e che spesso non consultiamo. In generale, non si dovrebbe fornire alcun dato personale a un servizio on-line senza conoscere la modalità di utilizzo dei dati che verrà scelta, oppure fornire solo la quantità minima di dati personali necessari – in genere indicati con “campi obbligatori” - per aderire al servizio che si desidera utilizzare.

* Docente

Diritto dell’informazione

Università Cattolica Milano

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?