Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

"I monoclonali li usiamo ma c’è grave carenza"

La Moratti in Commissione Sanità: è un problema in tutte le regioni italiane. La struttura di Figliuolo: ripartizione decisa dal Ministero, arriveranno rinforzi

Negli ospedali lombardi non manca la volontà di prescrivere farmaci a base di anticorpi monoclonali ai malati di Covid, sempre che la loro somministrazione rientri nei criteri in base ai quali ha senso - e cioè entro sette o cinque giorni dalla diagnosi, di più se ci sono situazioni d’immunodeficienza, a pazienti con sintomi lievi o moderati e non in ossigenoterapia, che comunque siano ad alto rischio di un’evoluzione alla forma grave della malattia. C’è invece "una grave carenza di questi farmaci, tuttora diffusa in tutte le regioni italiane", ha chiarito la vicepresidente lombarda con delega al Welfare Letizia Moratti, ieri davanti alla Commissione Sanità del Pirellone. Moratti rispondeva a un’interrogazione, datata 2 novembre 2021, del pentastellato Andrea Fiasconaro, e dopo aver dettagliato l’entità delle scorte negli hub lombardi ha ricordato che questi farmaci "non sono acquistati dalla Regione ma dalla struttura commissariale" all’emergenza coronavirus, con "contratti confidenziali, le Regioni non ne conoscono né il prezzo né la quantità". In seguito la struttura del commissario Figliuolo ha voluto rimarcare che la ripartizione tra le regioni di questi farmaci è decisa dal Ministero della Salute, che al momento c’è "una buona disponibilità e la prossima settimana ci saranno ulteriori integrazioni". "La Direzione Welfare e i clinici - aveva invece spiegato Moratti - sono chiamati a gestire una situazione non di mancata prescrizione, ma di grave carenza di questi farmaci". Il tema, ha aggiunto, è stato affrontato dalla Commissione Salute delle Regioni, "è stata chiesta un’audizione del direttore generale dell’Aifa e ci è stato assicurato che la struttura commissariale avrebbe aumentato i rifornimenti", in particolare di Sotrovimab, "che pare il più efficace nei confronti di Omicron". Anche l’evoluzione della pandemia infatti influisce sulla disponibilità di questi farmaci innovativi: se Fiasconaro contesta alla Regione l’invio, "lo scorso ottobre, di 5.200" farmaci a base di monoclonali ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?