Gino Negri, pianista e direttore d'orchestra
Gino Negri, pianista e direttore d'orchestra

Milano, 22 GENNAIO 2019 -

Con questo racconto Roberto Brivio, il Cantamacabro dei Gufi, chitarra, fisarmonica e voce del mitico gruppo dialettal-cabarettistico che animava la Milano degli anni ’60, inizia una collaborazione col Giorno. Ogni settimana il suo sguardo affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

«GIOVANN! - la dis la sciora Pasetti al marì - sont andada da on ipnotizzador per el me mal de co’. El m’ha dit de mettem davanti al specc e de ripètt “Non ho il mal di testa, non ho il mal di testa, non ho il mal di testa”. Hoo provaa, miracol. El mal de co’ l’è passaa. Va’ anca ti, te preghi. Per via di rapport difficil che gh’emm. Magari el te dà on rimedi con l’ipnosi». Quand Giovann el torna. Ciappa la miè, la desbiotta, la sbatt sul lett. La ghe dis “Un momentino”. El vaà in bagn, el torna, ghe salta addos e ghe fa’ de tutt. Lee, al settimo cielo la vosa “Gioann, Gioann, che potenza, che irruenza, che forza”. Gioann el salta dal lett. “On momentino, tesoro”. Corr in toelett e depoeu on par de minutt el torna, salta ancamò addoss a la miè e la sderèna tutta. La miee la vosa : “Gioann, che miracol, Gioann che potenza. Son tutta ona pell d’oca.” Giovann la ghe dis “On momentino, cara”, e torna de corsa in bagn. Ma ‘sta volta la miee ghe va a drè e dalla fessura de la porta la ved Gioan davanti al specc che el se dis “Non è tua moglie, non è tua moglie, non è tua moglie.” Do’ dì depoeu se celebren i so’ funeral..

So' no se l'hann giamò leggiuda e se come tanti alter story l’è stada giamò pubblicada su Internet. A mi me l’ha mandada l’amis Giorgio Zennaro ch’el passa ses mes all’ann in “Un Isola dell’Arcipelago delle Sporadi Meridionali, chiamate del Dodecanneso”, Leros per la precision, Grecia senza magna, adess. Alter notizi se troeuven sul so’ liber “Leros Descritta” . Mi ghe n’hoo ona copia. I alter 119 stampaa su no in doa trovaj. L’è on ex assicurador nassù a Trieste nel ‘42 e par che in la soa vita l’abbia fa’ de tutt: fotografia, cinema, clown, Protezion Civil, ecc. La soa attività del dì d’incoeu l’è al computer. El scriv articol, impression, calambour, notazion, critich, moeud de viv, pensèe che ghe vegnen in co’, e si ie spediss in allegaa insema a tanti amis. Vun de quei sont mi, anca se se cognossom domà per e-mail. Ne scriv ona al dì, e me la manda. El me ricorda on grand personagg de la Milan del secol passaa: Gino Negri.

Maester de musica, pianista, arrangiator, fondator del cabaret La Cassina di Pomm, situà nell’omònima Osteria, squas in fond a Melchiorre Gioia, direttor d’orchestra, collaborator del Piccolo Teatro e de La Scala, ma soratutt compositor. L’ha scritt “una canzone al giorno” per pussè d’on mes (istess che Giorgio Zennaro che me manda “ona e-mail al giorno”). Musica, so no se la se troeuva in di disch, cantada da lu e da on quaj cabarettista vers la fin di ann ‘60. Me ricordi ancamò on so’ spettacol al vecc Teater Gerolamo (de quell noeuv se sa nient, ma me par che el sia on po’ nobless oblige, cont la spuzzetta sotta el nas, minga lù, teater, ma la soa direzion. L’hoo domandà che l’era anmò de inaugurà, depoeu el restauro, per fa’ on intervista a Franco Cerri, me l’hann refudàa all’italiana. Come l’è on refud all’Italiana? Respond no ai telefonad, ai letter, ai e-mail, fin che el proponent l’abbandona el campo snervà da tanta bona educazion).

El spettacol se cjamava “Costretto dagli eventi”, titol che gh’hoo semper invidiaa perché tanti robb de la mia vita, come de tanta gent, hinn nassù perché “costretto dagli eventi”. Oper, operin, composizion per orchestra, rappresentazion, canzon, direzion, partecipazion; attività spropositada in “on”. La canzon che l’ha fa’ parlà el mond però l’è stada “L’aereo del Papa”. “/Me sont sognada, me sont sognada, ch’el Paolo VI l’è borlà giò. Me sont sognada , l’aereo in fiamme/ el Paolo VI in un falò – Papa Giovanni tu che sei nel cielo/salva per un pelo/ quel bravo fioeu- Papa Giovanni ti chè te set on santo/ ciappel con on manto/ ch’el borla no.” la canzon la va avanti per trii stròf e trii ritorneij. El Gino Negri l’aveva anca scritt per mi on copion intitolaa “Io l’Operetta non la voglio più”. L’è restaa per vari reson in del cassett. Come tanti storij che Giorgio Zennaro el me manda squas tutti i dì. El me scriv de tutt: barzellet (El pret a on condannà giamò in su la sedia elettrica: “esprimi un ultimo desiderio, figliolo” “Mi tenga per mano, padre!”). Maschilismo in la lengua italiana : “ …. Massaggiator: vun che el pratica massagg. Massaggiatrice: mignotta…. Cortigiano: gentilomm de Corte. Cortigiana: mignotta…El cubista: seguace (intrad.) del Cubismo. La cubista:mignotta…. Omm de strada: uomo duro. Donna de strada: mignotta…Mondano: chi el pratica la società. Mondana: mignotta… Zoccolo:calzatura. Zoccola:mignotta…On professionista: vun che el conoss ben el so’ laor. Ona professionista: mignotta… ecc. Notazion su la pronuncia (Vallardi sic) di paroll (Wag’ner o Wagner – Gambàra o Gàmbara – Media (voc. Latin) storpiaa in Midia – Colghèit e Palmolàaiv o Colgate e Palmolive). L’Inno d’Italia, l’età de la pension(p) cont l’aspettativa de vita(a) p60-a68; p67-a75; p70-a90; p80-a100; p95-a120. La conclusion per ona bona compensazion l’è de comincià a laorà a 40 ann.

El tira a man anca i giargianes. Numm Gh’émm giamò fa’ on distinguo in on articol passaa. Disevom che el Vallardi, curà dal Filologico” el portava domà “giangian”, perdigiorno, gingillone. E inscì el Banfi, el Cletto Arrighi e el Cherubini ch’el volta in Babbione. Giorgio Zennaro el sostegn che el termine el ven da Viggiano in provincia de Potenza. I sonador e commerciant parlaven on dialett incomprensibil e eren ciamà Viggianes, diventà poeu Giggianes. In la seconda guerra mondial i alleaa che parlavem dialett divers da quej italian eren appunto ciamà “ggianes” diventà georgianes per el nomm George in voga tra lor. Giargian l’era donca el termin che l’indicava on forest che parlava mal. Giargianès, el forest. Dato che in di vocabolari el gh’è no, femm finta de ciappà per bona la version del Zennaro. In tutt’i cas Giargianès l’è anca lu. L’è nassù a Trieste, l’è andà a fa i ricerc fina a Potenza, el sostegn che se diseva “ggianes” quand i vocabolari disen “gian gian”, tirii vialter i conclusion. brivio.roberto@yahoo.it