natale
natale

Milano, 23 novembre 2017 -

Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

L’è cominciada la movida de Nadal. Perché disi movida inveci de moviment? Perché movida la me dà pussè el sens de la frenesia che ciappa tucc per i festeggiament (e a hinn tanti) nel periodo, unich, che ogni paes el cerca de fassel propri. La pubblicità per i regal, panatton e spumant miss in primm pian, film che vegnen foeura per sfruttà el periodo di fest, spettacol che tiren a man stori de Nadal. Mi hoo semper spettà che in television programmassen el famos “Bianco Natale”, che poeu l’è ona version rifatta a noeuv de “La locanda della felicità”, ma hoo mai avuu la fortuna de vedell propri in quei dì. Tutti spetten la nev, che la riva magari prima. On ann n’è vegnuda gio’ tanta, ma tanta (parli de Milan e dintorni) da soddisfaa el desideri de tutti i fioeu e fa incassà i grand per el paciugo successiv, l’impossibilità de girà in macchina, el gran laorà de spalalla perché se de no la se ingiassa e la resta sui marciapè per squass tutti i fest. Ma semm al 23 de november! manca ancamò on mes al “Tu scendi dalle stelle” al “O tannenbaum” a “Il bianco tuo splendor, Christmas” all’Alber con i so’ decorazion ( prima i me fioeu e adess i me nevod voeuren vedell in pè, finii, col primo de Dicembre). 

Perché parlà del Nadal cont tutti i robb che gh’hinn de dì? Ma perché i temp a hinn scandì dalla pubblicità che la dev rivà prima del periodo natalizio vero e proprio, dai negozi che hinn giamò pront cont i lus e i decorazion, da la gent che la voeur comprà adess per paura che dopo aumenten i prezzi, tant de saldi fina a gennar se ne parla no. Gh’è ona stravacada de invid a visità i mercatini di Natale stranieri. Bigliett di treni e aerei a prezz scontaa al massim per fagh stà denter oltre al viagg, l’hotel, el mangià e la merce acquistada. El Nadal passaa, ona mia amisa, che invitom semper a Santo Stefano, al banchèt di avanz, l’era andada a Monaco in pulman per comprà ona stupidada. Quaivun l’ha veduda in di bancarell del centro Milano. Pensa a quei ch’hinn vegnù chi de numm a comprà el medesim oggett per poeu sentiss dì che el vendeven anca là. Ghe de fass girà el co’. Se comincia cont San Nicola el 6 ses dicembre, festa che comprend tutti i giargianes, Santambroeus el 7, apertura della Scala. El vott se festeggia l’Immacolada, el tredes (13) Santa Lucia, el 23 San Giovanni da K (s’el voeur di ‘sto K? Karatè? Karakorum? Karkadè? No. Da Kety. El sarà on paes, ona città. Scrivi no Ketty se de no la sembraria ona donna). El 25 Nadal! finalment el nass el bambin. El 26 santo Stefano e il 28 i Santi innocenti, per recordà la strage. Mi mettaria insema tutti i Innocent che i nazion, Erodi del 3000, fan foeura in continuazion. Finalment San Silvestro, el Papa pussè conossu de la terra. L’ultimm dell’ann, cont la soa festa, i foeugh artificial, i ball nel senso di danze, i robb vecc sbattù giò da la fenestra. I promess per el 1918. «A Hinn in cinq or, ‘ndemm a dormì che pussè tardi gh’emm de andà a trovà i parenti viv che hann passàa el 31 dicembre in cà cont on semplice spumant.

A Nadal conti semper do barzellet: la prima, inventada dal Paolo Mosca, quella de San Peder che el ciama a raccolta i sant per informaj che l’è stà decis de sostituì, in Paradis, el Presepe cont l’alber. Minga ver, per question de rispettà la natura, ma squass ver ch’el par ver. El dà a tucc on’incombenza: chi el dev portà i naster, chi i ball coloràa, chi i lusett che vegnen giò a cascada, chi la ponta, chi la nev de mett sui ramm, chi i pacchett confezionaa con dent nient. El dì dopo i Sant in procession porten i robb assegnaa. L’è squass tutt miss sull’alber quand dal fond el riva San Gennaro cont on seguit de Sciuscià, de gent bassa di Bass, San Peder se rivolg cont ona pazienza paradisiaca: «San Gennaro, San Gennaro» el dis cont vos roca «Ho detto torroni, torroni, torroni». La seconda ve la cunti sota Nadal. On po’ de suspence anca in di barzellett. Me recordi che el me pa’ ne cuntava voeuna alla zena del 25 dodes, che l’era semper quella e che la finiva mai. Sont ‘chi ancamò che spetti l’ultima battuda. Intant ho ricevù ona comunicazion da Claudio Pollastri, giornalista, scrittor, conferenzier, intrattenidor, per on liber ch’el presenta alla libreria Parole Nuove del Centro Kennedy de Brugherio, Sabet 23 november ai sedes (h 16).

Ghe saroo sicurament perché l’argoment el me interessa e Claudio l’è professionalment in prima fila, tant che in on dibattito tra mi e Luigi Lunari, commediografo eccellent, el moderava i noster discussion cont competenza e improvvisazion, dota che minga tucc hann. El titol del romanz l’è “una Lucia per Lenin” ediz Oscar, pag 231, euro 20. L’è costruì sul centenari de la Rivoluzion Russa ciamada impropriament “rivoluzione di Ottobre”. La lucia l’è la barca a rem del lac da Com. Gh’hinn giamò i principai ingredient per colpì el lettor. Mettighi anca i element polizieschi del traffich clandestin di Opere d’arte, on viagg a la Piazza Rossa de Mosca, rimandaa, e i meditazion sul centenari de la rivoluzion ligaa a on “bilancio esistenziale sul valore storico del comunismo” e alter robb che riguarden la vita del protagonista passada in politica senza sposass e senza avè fioeu, se riva a la conclusion amara: “Ne sarà valsa la pena?”. Se dovessom dà a trà ai politicant che salten de chi e de là per i poltronn (me ven el dubbi che fussel important sotta tutti i punti de vista e per tutti i Partìi) la risposta la sarìa netta: No. E de drè a quel no ghe stà el penser del tradiment nei confront di noster pader che han combattù per on’idea.