Francesca Badalini con “Le pianiste compositrici“ alla rassegna Parole al vento

Francesca Badalini con “Le pianiste compositrici“ alla rassegna Parole al vento
Francesca Badalini con “Le pianiste compositrici“ alla rassegna Parole al vento

SETTIMO MILANESE

È un viaggio attraverso i secoli nel mondo della composizione e dell’esecuzione musicale al femminile, la seconda serata della rassegna “Parole al vento - Un piano per l’energia” in programma mercoledì 12 aprile alle 21 al Palazzo Granaio di Settimo Milanese. Di scena Francesca Badalini (nella foto), pianista e autrice dall’intensa attività concertistica, con il suo progetto “Le pianiste compositrici: da Clara Schumann a Tori Amos”. "Sarà un viaggio fatto di musica, storia e aneddoti per raccontare le vite e le opere di influenti protagoniste della musica di epoche diverse, da Maria Teresa D’Agnesi (1700) per arrivare a Yuki Kajiura (1965) una musicista, compositrice e produttrice discografica giapponese, famosa per le colonne sonore di numerosi film e serie Tv d’animazione - spiega Badalini -. Anche nel mondo della musica la questione della parità di genere è stata ampiamente dibattuta. In passato le compositrici erano escluse dall’educazione musicale, la pianista non era considerata all’altezza del pianista uomo, anche le compositrici non erano considerate. Per fortuna non si sono arrese e si sono guadagnate uno spazio significativo". Il progetto della pianista milanese indaga proprio questo ambito spaziando in diversi generi musicali. In scaletta le musiche di Fanny Mendelssohn (1805-1847), Louise Farrenc (1804 -1875), Lili Boulanger (1893-1918), Meredith Monk (1942), Rachel Portman (1960), Tory Amos (1963). Una lezione concerto per una pianista di grande talento che dal 1999 collabora con la Cineteca Italiana, componendo, improvvisando ed eseguendo dal vivo musiche per film muti, in Italia e all’estero. Tanti i progetti ai quali ha collaborato: lo scorso anno ha preso parte come pianista e tastierista agli eventi dell’Orchestra Sinfonica di Milano dedicati ai Beatles e ai Pink Floyd. Ingresso libero fino a esaurimento con prenotazione obbligatoria via mail a [email protected]

Roberta Rampini