Quadrilatero della moda
Quadrilatero della moda

Portavano con loro la figlia di dieci anni per fare razzia in negozi di lusso nel Quadrilatero della Moda a Milano. Per questo, la Polizia di Stato ha identificato e denunciato una coppia italiana per furto aggravato Le indagini nascono dalla denuncia di un brand di lusso con diversi negozi a Milano. Lo scorso 17 ottobre, una coppia con una bambina era entrata in una boutique nella Galleria Vittorio Emanuele II dove aveva rubato una cintura da uomo da 500 euro. Subito dopo, in un negozio di via Montenapoleone, avevano arraffato un braccialetto, un portafoglio e un porta cellulare, per un valore di circa 2 mila euro.

Dalle immagini di videosorveglianza i poliziotti della Squadra Mobile hanno notato come fosse la madre a indicare alla bambina gli oggetti da prendere che la piccola afferrava e la coppia metteva in una grande borsa del padre. Con un frame nitido del volto, gli agenti della 6^ Sezione della Squadra Mobile, hanno individuato un quarantenne pluripregiudicato per reati contro il patrimonio. compagno di una 38enne, anch'ella pregiudicata. Dalle immagini si è visto che la donna aveva tatuaggi sulle mani. Sono quindi cominciati dei servizi di osservazione vicino alla loro residenza, un campo nomadi dell'hinterland milanese, ed è stato chiesto alla Procura un decreto di perquisizione all'esito della quale sono stati trovati tutti gli accessori trafugati dai negozi, i vestiti indossati in occasione dei furti e tre borse di marchi di lusso risultate rubate in altri negozi del Quadrilatero della Moda, con ogni probabilità lo stesso giorno.