Festival dei beni confiscati alla mafia
Festival dei beni confiscati alla mafia

Milano, 10 aprile 2018 - Da domani, mercoledì 11 aprile, a lunedì 16 torna il Festival dei beni confiscati alle mafie, su iniziativa dell'assessorato alle Politiche sociali del Comune di Milano. Lo scopo della manifestazione, nata nel 2012 e giunta alla sua sesta edizione, è sensibilizzare la cittadinanza sull'azione di contrasto alle mafie a Milano e in Lombardia.

Protagonisti di tutti gli eventi saranno appunto gli immobili confiscati alla criminalità organizzata - sono 187 le unità immobiliari in carico al Comune di Milano - che ospiteranno incontri, spettacoli, musica, proiezioni, presentazioni di libri e attività per bambini. La manifestazione, diretta da Barbara Sorrentini, si aprirà domani in via Paisiello 5, dove il consorzio Area Solidale onlus gestisce una ciclofficina, con l'incontro dal titolo 'La lunga marcia della verità' dedicato a Umberto Mormile, educatore del carcere di Opera ucciso dalla 'ndrangheta nel 1990. A raccontare la sua storia ci saranno anche il fratello Stefano e Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo ucciso dalla mafia nel 1992. La mattina di venerdì 13 aprile sarà dedicata agli incontri con le scuole: sei classi di studenti tra gli 11 e i 15 anni incontreranno gli autori Gioacchino Criaco e Lorenzo Marone con i quali discuteranno dei loro lavori, il racconto dedicato a Paolo Borsellino e contenuto ne 'L'agenda ritrovata' e il romanzo 'Un ragazzo normale' dedicato all'omicidio del giornalista Giancarlo Siani. Lo stesso giorno, alle 18, il sindaco Giuseppe Sala parteciperà all'inaugurazione del nuovo spazio gestito dall'associazione Mamme a scuola onlus in un bene confiscato in via Varesina 66 assegnato lo scorso febbraio. Saranno presenti anche l'assessore alle Politiche sociali Pierfrancesco Majorino, il professore Nando dalla Chiesa, il presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolé, il presidente della commissione comunale antimafia David Gentili e la referente di Libera, Lucilla Andreucci.

Tra gi vari appuntamenti, il 14 aprile, anche le presentazioni dei libri 'Follia maggiore' di Alessandro Robecchi, 'La mafia dopo le stragi' di Attilio Bolzoni e 'Il caso Kellan' di Franco Vanni. Alle 20.30 del 15 aprile, infine, nello spazio di via Curtatone 12 ci sarà la proiezione del film 'Nato a Casal di Principe'. Interverrà l'attrice Donatella Finocchiaro. "Con questo Festival - dichiara in un comunicato Barbara Sorrentini, giornalista e curatrice della direzione artistica della kermesse - ogni anno portiamo la cultura della legalità in quei luoghi in cui fino a poco tempo fa imperversavano l'illegalità e la criminalità organizzata. La presenza di attori, scrittori, artisti ha sempre funzionato come richiamo per sensibilizzare i cittadini sulla presenza delle mafie in città, attraverso un'interessante offerta culturale".