Quotidiano Nazionale logo
20 apr 2022

Festa abusiva all'Università Statale nella notte di Halloween: sette giovani a processo

L'ateneo milanese, che figura come parte civile, ha chiesto un risarcimento danni agli imputati di 50 mila euro

Le immagini pubblicate sul sito della Statale documentano le conseguenze della festa di Halloween non autorizzata dentro gli spazi di via Festa del Perdono
Una delle immagini pubblicate sul sito della Statale

Milano, 20 aprile 2022 - Sette giovani sono finiti a processo per il party abusivo di Halloween all'Università Statale nel 2019. Le accuse sono di invasione di edificio, deturpamento e imbrattamento e "apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo" per aver organizzato, il 31 ottobre di tre anni fa, in un salone davanti all'Aula magna dell'Università Statale di Milano una festa con tanto di "discoteca", vendendo anche "bevande alcoliche e super alcoliche" e chiedendo tre euro per ogni ingresso.

Oggi davanti all'ottava sezione penale del capoluogo lombardo si è tenuta un'udienza del dibattimento (iniziato già nelle scorse settimane) nella quale l'ateneo milanese, che figura come parte civile, ha chiesto un risarcimento danni agli imputati di 50 mila euro. Nei capi di imputazione a carico dei sette giovani, difesi dai legali Mirko Mazzali e Guido Guella, si contesta anche di aver occupato la Statale per far esibire quella sera del 2019 "tre differenti artisti, disk jockey e band" con musica "del genere trash/techno".

L'evento abusivo, si legge sempre nell'imputazione formulata dalla Procura milanese, era stato chiamato "University Halloween night - Festa senza perdono vol.4". Alcune pareti, anche dei bagni, sarebbero state imbrattate con una serie di scritte, senza nemmeno tenere conto, secondo l'accusa, che "i locali dell'edificio pubblico" sono di interesse "storico e artistico" e che si tratta di un "edificio rinascimentale" voluto "dal Duca di Milano Francesco Sforza". Nella prossima udienza, fissata per il 24 maggio, dovrebbero essere ascoltati alcuni degli imputati. 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?