Il colpo è andato a segno nel reparto oncologico dell’ospedale San Carlo (Newpress)
Il colpo è andato a segno nel reparto oncologico dell’ospedale San Carlo (Newpress)

Milano, 13 giugno 2019 - Maxi furto di farmaci antitumorali nel reparto di Oncologia dell’ospedale San Carlo. Il colpo da quasi 40mila euro, secondo quanto risulta al Giorno, è andato in scena nella notte tra lunedì e martedì ed è stato denunciato ai carabinieri l’indomani mattina dai vertici della struttura clinica. Per fortuna, l’improvviso ammanco non ha creato problemi alla normale attività del nosocomio: dal San Carlo assicurano infatti che le terapie si sono svolte regolarmente e che i pazienti non hanno avuto alcuna ripercussione dall’episodio; i medicinali rubati, utilizzati per la chemioterapia e interamente forniti dal Servizio sanitario nazionale, sono stati subito sostituiti con quelli presenti nella farmacia interna.

Un episodio utto da approfondire, anche perché quasi sempre i furti di farmaci, specie se così specifici e costosi come gli antiblastici spariti due giorni fa, vengono effettuati su commissione e con canali di ricettazione già attivi e pronti a rimettere la refurtiva sul mercato illegale, che sia in Italia o all’estero. All’esterno del reparto preso di mira, che si trova al quarto piano dell’ospedale di via Pio II, è presente una telecamera di videosorveglianza: la speranza degli investigatori è che l’occhio elettronico a guardia delle stanze abbia ripreso l’ingresso dei ladri. Al momento non è escluso, anzi pare probabile dalla dinamica del colpo, che chi è entrato senza autorizzazione nel reparto di Oncologia sia stato aiutato o quantomeno «indirizzato» da qualche dipendente infedele del San Carlo; come spesso accade in questi casi, la pista interna non può mai essere trascurata, considerato che i non addetti ai lavori sarebbero difficilmente in grado di orientarsi all’interno di un edificio così ampio e complesso come quello di via Pio II. Gli approfondimenti investigativi, che al momento non stanno trascurando alcuna ipotesi, serviranno anche a capire se si sia trattato di un episodio estemporaneo o se invece il raid dell’altra notte sia stato orchestrato da una banda specializzata, assoldata da chi vuole lucrare su quelle confezioni di antiblastici, magari piazzando sui mercati illegali dell’Est Europa o dell’Africa.

Poco più di un anno fa, nel marzo scorso, avevamo dato conto di tre furti in serie andati in scena tra novembre e dicembre 2017 nei depositi del Lazio e in provincia di Lodi utilizzati da un notissimo colosso della farmaceutica: anche in quei casi, come poi denunciato dai responsabili della multinazionale, i ladri avevano portato via farmaci antitumorali – 192 scatole di «Stivarga 40 mg» per 268.131 euro, 540 confezioni di “Visanne 2BL” da 11.998 euro e 72 scatole di “Nexavar 200 mg” del valore di 160.817 euro – per un ammontare complessivo attorno ai 440mila euro.