Quotidiano Nazionale logo
6 mag 2022

Famiglie e aziende in crisi, il Comune dà una sforbiciata alle tasse

Minori entrate per 150mila euro, ma più servizi. Il primo cittadino: "I soldi? Meglio sui conti delle persone e delle imprese"

Famiglie e aziende in crisi, Pessano taglia le tasse e rimette "soldi nelle tasche di tutti". Riduzione fino al 20% per l’occupazione del suolo pubblico e l’imposta sulla pubblicità, giù anche l’addizionale Irpef che passa dallo 0,8% allo 0,7 con minori entrate di 150mila euro, una cifra che pesa in anni in cui i soldi non bastano mai per attenuare le ferite della pandemia e ora dei rincari frutto della guerra in Ucraina. "Eppure i servizi aumentano - assicura il sindaco Alberto Villa (nella foto), che gestisce direttamente la delega al Bilancio -. La ragione è semplice: abbiamo affinato la capacità di previsione evitando di ritrovarci con l’avanzo a fine esercizio. È meglio che i soldi stiano in famiglia e nelle imprese che non a languire nelle casse pubbliche". Nasce tutto da un’importante operazione di recupero-crediti che per effetto domino ha permesso all’amministrazione di ridurre il fondo per coprire debiti a rischio "e alla fine in banca il Comune ha un saldo di mezzo milione in più", spiega il primo cittadino. Merito degli 007 del Municipio che sono andati a cercare gli evasori.

Così la manovra da 7 milioni, investimenti compresi, appena approvata in aula, ha potuto ampliare i fondi per i capitoli più delicati: ad esempio, 30mila euro extra per lo sport e il mantenimento degli impianti. Voce alla quale si aggiungono azioni strutturali destinate a dare i loro frutti nel tempo, "come il potenziamento del personale, una partita che potrà contare su altri 150mila euro, ma la cifra raddoppia se si guarda agli ultimi cinque anni. Risultato: a fine 2022, in pianta organica saranno in 34 e non più 29". "Per un borgo di 9mila abitanti le risorse aggiuntive sono essenziali - sottolinea il sindaco - quanto la capacità di drenare fondi dai bandi, ora siamo in attesa della graduatoria regionale sulle nuove telecamere".

Barbara Calderola

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?